Home . Fatti . Cronaca . 'Ndrangheta, smantellata 'locale' in Lombardia: 26 arresti

'Ndrangheta, smantellata 'locale' in Lombardia: 26 arresti

CRONACA
'Ndrangheta, smantellata 'locale' in Lombardia: 26 arresti

E’ in corso dalle prime luci dell’alba un'operazione condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, che vede impegnati i militari del capoluogo lombardo, quelli brianzoli, delle province confinanti nonché di Crotone, Reggio Calabria e Bari, nello smantellamento di una “locale” della ‘ndrangheta dedita al traffico internazionale degli stupefacenti, all’usura, all’estorsione ed alle rapine.

L’attività prevede l’esecuzione di una misura cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Milano, Andrea Ghinetti, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 27 cittadini italiani ed 1 albanese (nello specifico sono 28 i provvedimenti e 26 gli arresti), ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico degli stupefacenti, usura e estorsione e rapine.

L’attività, avviata nel gennaio del 2013, ha già portato all’arresto, in flagranza di reato di 9 pregiudicati ed al sequestro di circa 200 kg. di sostanze stupefacenti. In particolare, l’indagine ha acquisito nei confronti di 11 fra gli arrestati, "incontrovertibili elementi probatori in ordine alla loro affiliazione alla ‘ndrangheta" fa sapere il comando provinciale dei carabinieri di Milano. L’attività investigativa, inoltre, ha permesso di ricostruire le dinamiche criminali proprie della “locale” di Mariano Comense (Como) che, dedita al traffico internazionale degli stupefacenti destinati ai mercati lombardi, calabresi e pugliesi, realizzava ulteriori profitti sottoponendo ad estorsione i commercianti del territorio non tralasciando l’usura e le rapine. Dalle indagini è emerso il disaccordo tra la figura del capo e quella di un affiliato che rivendicava per sé un ruolo di maggiore preminenza all’interno della struttura. La questione è stata oggetto di numerose “discussioni” ed è stata portata all’attenzione dei vertici criminali in Calabria.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI