Home . Fatti . Cronaca . Gorino e i migranti, cartello choc in chiesa: 'Tornatevene nel vostro califfato'

Gorino e i migranti, cartello choc in chiesa: 'Tornatevene nel vostro califfato'

CRONACA
Gorino e i migranti, cartello choc in chiesa: 'Tornatevene nel vostro califfato'

(Sito Vicariato San Guido /Adnkronos)

"Visto che noi siamo, per voi, infedeli: ma perché non ve ne andate nel vostro califfato di Iraq con il santo Califfo El Bagdadi, il quale vive di armi e uccide a tutto spiano coloro che non sono sunniti?". E’ il testo del cartello esposto sia dentro che fuori la chiesa di Gorino Ferrarese, la piccola frazione al centro delle cronache per aver respinto 12 profughe, erigendo, lunedì scorso, delle barricate per bloccare l'autobus che trasportava le migranti, destinate poi altrove dalla prefettura.

Sopra la scritta contro i musulmani campeggia un simbolo arabo, la 'N', e sotto c’è una didascalia: "Questa rappresenta la 'N' araba e significa 'Nazzareno', termine con cui il Corano indica i seguaci di Gesù di Nazareth. Questo segno è stato posto sulle case dei cristiani del califfato di Iraq, i quali sono stati costretti ad andarsene di casa, sono stati uccisi, costretti a cambiar fede, le donne rese schiave vendute e stuprate e violentate da quelli assassini. Noi siamo "orgogliosamente" dei 'Nassarah'". Il parroco della chiesa è Don Paolo Paccagnella, da oltre 25 anni alla guida della parrocchia: raggiunto telefonicamente più volte per chiedere la ragione della presenza del cartello, non ha voluto parlare.

Intanto il sindaco di Goro (di cui fa parte la frazione di Gorino Ferrarese), Diego Viviani, si dice "davvero esterrefatto, non ne sapevo nulla. Sono stato avvisato ieri sera della presenza di questo cartello. E' stata l'ennesima tegola in testa" commenta con l'AdnKronos.

Il sindaco è stato avvertito della presenza del cartello dalle forze dell'ordine che l'hanno rimosso.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI