Home . Fatti . Cronaca . Gabrielli: "L'Isis? Prima o poi colpirà anche noi"

Gabrielli: "L'Isis? Prima o poi colpirà anche noi"

CRONACA
Gabrielli: L'Isis? Prima o poi colpirà anche noi

(Fotogramma)

"Espulsioni dopo un solo grado di giudizio. L’Isis? Prima o poi colpirà anche noi". Lo afferma il capo della Polizia, prefetto Franco Gabrielli, in un'intervista al Quotidiano Nazionale. Sui Cie, Gabrielli spiega: "Sono previsti dalla legge e rappresentano uno strumento indispensabile per trattenere gli immigrati in attesa di espulsione. Oggi sono operativi solo quelli di Torino e Caltanissetta, ai due estremi del Paese: chiaro che non bastano".

Sul fatto che l'Italia non sia stata ancora toccata direttamente dal terrorismo islamico, il capo della polizia chiarisce: "Ho letto tante fandonie. C’è chi pensa che sia ancora in vigore il lodo Moro, come se si potesse interloquire con l’Isis, con i suoi mille cani sciolti e con le sue cellule dormienti come si fece un tempo con i terroristi palestinesi... Balle. Tutte balle". E' invece "il frutto di diversi fattori. Oltre all’ottimo lavoro di prevenzione, il punto è che non abbiamo sacche gravi di marginalizzazione e che noi i sospetti terroristi li espelliamo subito".

"Se la smettessimo di giudicarci più coglioni degli altri - sottolinea il capo della Polizia - scopriremmo che in molti casi siamo migliori. Grazie al controllo capillare del territorio abbiamo neutralizzato l’attentatore di Berlino, e mentre la Germania, e dico la Germania, ci ringraziava, noi polemizzavamo sul fatto che fossero stati resi noti i nomi dei due splendidi poliziotti che hanno compiuto l’azione".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI
07 / 01 - 18:05 |
jammer
segnala un abuso

Gli manca la voglia