Home . Fatti . Cronaca . Rom in gabbia, il popolo di Facebook contro Lidl: "Non licenziate i due dipendenti"

Rom in gabbia, il popolo di Facebook contro Lidl: "Non licenziate i due dipendenti"

CRONACA
Rom in gabbia, il popolo di Facebook contro Lidl: Non licenziate i due dipendenti

"Se licenziate i due ragazzi io e la mia famiglia non metteremo più piede nella vostra catena. Italia agli italiani! Bravi i due ragazzi!". E' solo il primo di una lunga sequela di commenti che è possibile leggere sotto il post di Facebook con cui la catena di supermercati Lidl Italia ha preso le distanze dal video girato da due dipendenti di Follonica che giovedì scorso hanno rinchiuso due donne rom in una gabbia adibita alla raccolta rifiuti, mentre erano intente a rovistare tra la spazzatura.

Una decisione poco gradita al popolo del social network, che si è subito schierato dalla parte dei due uomini.

"Chi è contro i ragazzi può andare al primo campo rom e portarseli a casa", sbotta un utente di Facebook, mentre Patricia scrive: "Io sto con i ragazzi... Non se ne può più di andare a fare la spesa nei vostri supermercati e di esser continuamente stalkerati da queste persone... Hanno fatto proprio bene!".

"Ma cosa volete verificare? Prendete le distanze da cosa? Vi piace essere derubati?", si chiede Valeria, che propone di dare "subito un aumento a quei ragazzi". Il tenore dei commenti è più o meno questo.

"La Lidl fa benissimo a prendere le distanze da questo gesto e a prendere provvedimenti nei confronti dei ragazzi", afferma invece Francesco. Nicola si augura che i due dipendenti "vengano licenziati" perché "nessuno deve sostituirsi allo Stato". Ma le stigmatizzazioni si contano sulle dita di una mano, travolte da un'ondata di elogi rivolti al gesto dei due.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.