Home . Fatti . Cronaca . Obbligo vaccini a scuola, ecco come funziona all'estero

Obbligo vaccini a scuola, ecco come funziona all'estero

CRONACA
Obbligo vaccini a scuola, ecco come funziona all'estero

Foto di repertorio (Fotogramma)

L'obbligatorietà di alcune vaccinazioni è un strategia diffusa in Europa e non solo. Ma a chiedere il certificato vaccinale per l'ammissione a scuola - come si torna a fare in Italia con il decreto appena varato in Cdm - oggi in Europa c'è solo la Germania e, dall'altra parte dell'oceano, Stati Uniti e Canada. In territorio europeo, da un’indagine comparativa del 2010 sull’attuazione dei programmi vaccinali su 27 Paesi Ue (più Islanda e Norvegia), condotta da Venice (progetto Vaccine European New Integrated Collaboration Effort) e pubblicata sulla rivista Eurosurvellance, risulta che 14 dei 29 Paesi hanno almeno una vaccinazione obbligatoria nel loro programma.

Obbligo vaccini a scuola, come funziona dopo i 6 anni?

I 15 che non ne hanno alcuna obbligatoria sono: Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Islanda, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito. Differenze si registrano anche nelle scelte delle vaccinazioni rese d'obbligo. Per l'Italia, fino ad oggi, i vaccini obbligatori erano difterite, tetano, epatite b, polio; in Francia difterite, tetano, polio, tbc; in Grecia difterite, tetano, polio; in Belgio e Olanda obbligatoria solo l'antipolio, anche perché gli ultimi casi europei della malattia si sono verificati proprio nei due Paesi.

Per quanto riguarda l'obbligo della vaccinazione per l'iscrizione a scuola "in realtà - spiega all'Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene dell'università di Pisa - non abbiamo evidenze scientifiche. Il dato più recente, in un Paese di cultura occidentale, è quello della California, dove per far fronte al calo della copertura, è stata cancellata la possibilità di appellarsi a motivi religiosi per iscriversi a scuola senza certificato vaccinale".

Questa misura "ha fatto effettivamente risalire i dati di copertura. Personalmente - dice l'esperto - credo che il filtro scolastico, declinato in maniera moderna, possa essere utile, perché consente di intercettare i genitori non vaccinisti, convocarli e avviare un confronto per far comprendere l'importanza di proteggere non solo il proprio figlio ma anche gli altri. Mentre non credo siano utili forme di coercizione".

"E' invece importante lavorare per cambiare la cultura, anche dei medici - insiste - che spesso non sanno fornire risposte a genitori confusi, e generano ancora più confusione. Ed è necessario adottare misure strutturali, non estemporanee, per garantire la copertura vaccinale necessaria a tutelare la salute dei tutti", conclude Lopalco.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI