Home . Fatti . Cronaca . Galletti: "Impensabile perdere 40% acqua per tubi colabrodo. Roma preoccupa"

Galletti: "Impensabile perdere 40% acqua per tubi colabrodo. Roma preoccupa"

CRONACA
Galletti: Impensabile perdere 40% acqua per tubi colabrodo. Roma preoccupa

(Foto AdnKronos)

"In tempi di siccità come questi è davvero impensabile perdere il 40% dell'acqua per tubazioni colabrodo. Analogamente è inaccettabile che dei 300 miliardi di metri cubi d'acqua che in Italia piovono ogni anno, riusciamo a captarne solo l'11%. E' uno spreco che un Paese come il nostro, che deve e dovrà fare ancor di più i conti in futuro con problemi di siccità, non si può permettere". Così il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti in audizione davanti alla Commissione Ambiente del Senato sull'emergenza idrica.

"La situazione di Roma è, allo stato, quella che preoccupa maggiormente - aggiunge - E’ chiaro a tutti che una parte consistente dei problemi della Capitale e dei rischi che oggi corre siano da ricollegare alle intollerabili perdite di rete che caratterizzano la sua infrastrutturazione idrica. Questo è un problema antico, su cui bisogna una volta per tutte finalmente intervenire".

"Sono 21 milioni di euro i fondi destinati alla Regione Lazio nel quadro di un più ampio 'Piano di sostituzione delle reti' previsto nell'ambito della programmazione dei Fondi Sviluppo e Coesione. Credo che questo sforzo del governo e del mio ministero possa e debba essere un volano per gli investimenti ai quali i soggetti gestori e le Regioni dovranno concorrere", aggiunge Galletti. "Per affrontare la situazione occorre, inoltre, realizzare nuovi invasi e promuovere un uso sostenibile della risorsa idrica, sia nell'irrigazione che negli usi potabili", spiega.

Galletti fa inoltre sapere di aver chiesto in queste ore "con una lettera indirizzata ai Cutfaa, i Carabinieri Forestali, e al Noe, di indagare sul fenomeno dei prelievi illeciti dal lago. Una cosa posso assicurare: agiremo con la massima severità per punire chi sottrae acqua preziosa al lago di Bracciano. La nuova normativa sugli ecoreati fornisce strumenti severi e precisi per condannare chi danneggia l'ambiente".

Galletti ricorda infine che "ci sono ancora oggi Regioni dove, nonostante l'esercizio dei poteri sostitutivi e le numerose diffide inviate da parte del ministero, non sono stati istituiti enti di ambito o, anche se istituiti, non sono operativi. Credo che il commissariamento di quei Comuni che non aderiscono ancora oggi agli enti d'ambito, ne abbiamo un esempio sul lago di Bracciano, sia necessario e indifferibile".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI