Home . Fatti . Cronaca . Milano, più barriere in Duomo e Navigli dopo attentati Barcellona

Milano, più barriere in Duomo e Navigli dopo attentati Barcellona

CRONACA
Milano, più barriere in Duomo e Navigli dopo attentati Barcellona

Barriere in piazza del Duomo e in Galleria Vittorio Emanuele a Milano

Rafforzamento delle misure di sicurezza, con l'installazione delle barriere new jersey, in Duomo e Galleria Vittorio Emanuele, sui Navigli e sulla Darsena. A Milano, dopo gli attentati di Barcellona e Cambrils, vengono rafforzate le misure di sicurezza. Il Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza, tenutosi in prefettura a Milano, ha deciso un consolidamento delle misure attive da mesi e l'installazione dei new jersey nei punti più sensibili e affollati della città. "Ci siamo concentrati sul Duomo e sulla Galleria e stiamo verificando il posizionamento" delle barriere anti-sfondamento "in Darsena e Navigli", ha spiegato la vice sindaco di Milano, Anna Scavuzzo al termine dell'incontro.

Dopo aver installato barriere anti-sfondamento in Galleria Vittorio Emanuele, si sta studiano il posizionamento di altri new jersey "per chiudere il potenziale accesso alla galleria e a piazza Duomo". Inoltre, ha continuato il vice sindaco di Milano, "ci sono zone sensibili, come la Darsena e i Navigli, che hanno bisogno di un'ulteriore attenzione con misure di ostruzione, senza però limitare il traffico dei veicoli di soccorso", che dovrebbero essere installate entro pochi giorni. Al momento corso Buenos Aires, arteria dello shopping milanese, "non è oggetto di un'attenzione particolare". Scavuzzo non si è però sbilanciata su possibili controlli su chi noleggia furgoni.

L'attenzione delle istituzione e delle forze dell'ordine a Milano dopo gli attentati in Spagna, "resta alta", ha spiegato Scavuzzo, con un consolidamento delle attività in corso, anche se "non è previsto un aumento degli uomini " delle forze dell'ordine sul territorio. Nel corso della riunione del Comitato, durata oltre un'ora e a cui hanno partecipato, fra gli altri, il vice prefetto vicario di Milano, Darco Pellos, e il comandante della polizia locale, Paolo Ghirardi, "abbiamo concordato approfondimenti tecnici" sulle misure da rafforzare. In questo senso non ci sarà "nessuno stravolgimento, ma un grande senso di responsabilità e di attenzione da parte di tutte le forze attive".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI