Home . Fatti . Cronaca . Bonduelle richiama gli spinaci surgelati

Bonduelle richiama gli spinaci surgelati

CRONACA
Bonduelle richiama gli spinaci surgelati

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Il ministero della Salute ha ritirato un lotto di spinaci millefoglie surgelati Bonduelle per "sospetta presenza di foglie di mandragora", un'erba velenosa. Il prodotto, si legge nel richiamo, "non deve essere consumato". I Nas stanno provvedendo al ritiro a livello nazionale: si tratta del lotto numero 15986504-7222 45M63 con data di scadenza 8/2019. Si tratta in particolare di spinaci provenienti da uno stabilimento spagnolo di Milagro (Navarra) e del produttore Gelagri Iberica. E' una confezione di spinaci da 750 grammi (GUARDA IL RICHIAMO).

L'AZIENDA, RITIRO PRECAUZIONALE - Al momento "non esiste nessuna informazione che permette di attribuire la presenza di foglie di mandragora nei prodotti Bonduelle". Lo sottolinea in una nota Bonduelle, che sta ritirando dal mercato alcuni lotti del prodotto 'Spinaci Millefoglie Bonduelle' "come misura precauzionale in seguito al caso di sospetta intossicazione da anticolinergici potenzialmente causata dal consumo di un pasto a base di diversi tipi di verdure, tra cui il prodotto sopra citato". Le autorità sanitarie ipotizzano che i sintomi dell'intossicazione siano compatibili con l'ingestione di foglie di 'mandragora'. Ad oggi, continua l'azienda, "sono in corso accertamenti da parte delle autorità su tutte le verdure consumate, per cui non esiste nessuna informazione che permette di attribuire la presenza di foglie di mandragora nei prodotti Bonduelle. Alla luce di questa situazione, in via precauzionale, Bonduelle ha adottato le misure di sicurezza previste, bloccando la distribuzione, attivando le procedure di richiamo dei prodotti dal mercato e invitando le persone in possesso di una confezione del prodotto menzionato a non consumarlo".

ECCO COS'E' LA MANDRAGORA - E' scattato l'allarme perché questa erba è velenosa. La Mandragora è uno degli ingredienti principali della maggior parte delle pozioni magiche e, il fatto che le radici siano caratterizzate da una peculiare biforcazione, che ricorda la figura umana, commenta la Coldiretti, insieme alle proprietà anestetiche ha probabilmente contribuito a far attribuire alla mandragola poteri sovrannaturali in molte tradizioni popolari. L'avvelenamento da verdure non commestibili è molto diffuso soprattutto nel periodo autunnale, quando molti appassionati si recano in campagna per raccogliere vari tipi di verdure, conclude la Coldiretti nel sottolineare che la mandragora autunnale (Mandragora autumnalis) che è velenosa, viene spesso scambiata per borragine (Borago officinalis) che è commestibile e utilizzata per minestre, frittate, risotti e ripieno di ravioli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.