Standard Sfoglia

Ospizio dell'orrore: botte e insulti agli anziani

Violenze in una casa di riposo contro gli anziani ospiti, tutti sopra gli 80 anni, per lungo tempo presi a schiaffi, umiliati e offesi dalle infermiere che si dovevano prendere cura di loro. Sette operatori di una casa di riposo di Castel San Niccolò, in provincia di Arezzo, sono indagati, anche sulla base delle riprese delle telecamere, per maltrattamenti e percosse.

La casa di riposo, che fa capo all'Unione dei Comuni, è affidata ad una associazione temporanea di imprese cooperative. L'ente pubblico si è dichiarato pronto a costituirsi parte civile nel processo. Le indagini continuano per accertare eventuali reticenze o complicità.

Alle prime luci dell'alba di questa mattina i carabinieri della compagnia di Bibbiena hanno eseguito un'ordinanza applicativa della misura interdittiva del divieto dell'esercizio della professione sanitaria, emessa dal Gip del Tribunale di Arezzo, Giampiero Borraccia, nei confronti di 6 infermiere della casa di riposo: sono tutte italiane tra i 40 e i 60 anni. Secondo l'accusa, le infermiere avrebbero sottoposto gli anziani non autosufficienti a botte, umiliazioni, ingiurie e minacce. I parenti delle vittime non erano a conoscenza di quanto avveniva.

Nell'indagine c'è un settimo indagato, un infermiere, che per il momento è stato denunciato a piede libero perché avrebbe avuto un ruolo marginale nella triste vicenda.

La casa di riposo ospita una ventina di anziani e i casi finora accertati di violenze riguarderebbero quattro ospiti ultraottantenni. L'indagine sarebbe nata sei mesi fa, quando un operatore, stanco delle angherie e dei soprusi di cui sarebbe stato testimone da parte dei colleghi, avrebbe fatto una segnalazione che poi ha fatto scattare l'indagine dei carabinieri coordinata dal pm Marco Dioni.

Gli anziani, quasi tutti non autosufficienti, sarebbero stati sottoposti per mesi a un trattamento disumano da parte delle infermiere: insulti quando dovevano cambiarli, spintoni sul letto, schiaffi, parolacce e offese di ogni tipo.

Vedi in Pagina