Home . Fatti . Esteri . Danimarca: Femen a evento contro blasfemia, parlavo di libertà di parola, poi gli spari

Danimarca: Femen a evento contro blasfemia, parlavo di libertà di parola, poi gli spari

ESTERI

"Ero arrivata al punto del mio intervento in cui stavo dicendo che spesso abbiamo l'illusione di avere libertà di parola in Europa. Poi abbiamo sentito gli spari". E' il racconto quasi in diretta che Inna Shevchenko, attivista Femen, ha fatto attraverso Twitter dell'attentato al caffè Krudttoenden, dove si teneva un dibattito su blasfemia e libertà di espressione a cui partecipavano l'ambasciatore di Francia in Danimarca e il vignettista svedese Lars Vilks.

"Nella stanza con me c'erano poche decine di persone, l'ambasciatore francese Francois Zimeray e Lars Vilks", ha raccontato in un altro tweet l'attivista che, in un messaggio delle 16:50, ha scritto: "Spari al dibattito di Copenaghen".

"Sono scappata con alcune persone dalla porta sul retro, non ho visto niente, ho solo sentito circa 20 spari all'ingresso del locale del nostro dibattito" ha scritto ancora Inna Shevchenko, che poi ha anche postao un'immagine della stazione di polizia, dove "stiamo descrivendo l'attacco di oggi a Copenaghen".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI