Home . Fatti . Esteri . Melania Trump 'copia' Michelle Obama, Trump s'infuria con lo staff per la gaffe /Video

Melania Trump 'copia' Michelle Obama, Trump s'infuria con lo staff per la gaffe

ESTERI
Melania Trump 'copia' Michelle Obama, Trump s'infuria con lo staff per la gaffe /Video

Melania Trump (Afp)

Donald Trump è "furioso" con il suo staff per aver esposto la moglie Melania all'incredibile gaffe di pronunciare un discorso in parte copiato da quello di Michelle Obama. E' quanto rivelano fonti alla Cnn, mentre è iniziato lo scaricabarile tra i collaboratori del candidato repubblicano riguardo alla responsabilità della revisione del discorso. La bellissima ex modella slovena infatti avrebbe letto stralci del suo discorso che era risultato molto simile a quello di Michelle Obama nel 2008. Le solite fonti hanno indicato Rick Gates, il vice del manager della campagna Paul Manafort, come la persona a cui era stata affidata la responsabilità di seguire la stesura del discorso di Melania. Ma di fronte ad una domanda diretta da parte di un cronista della Cnn, Gates ha risposto di "non aver assolutamente" avuto questo compito. Ad appena 24 ore dall'inizio della convention, insomma, la confusione e il caos nel campo di Trump sembra crescere di ora in ora.

Di certo si sa che a notare le forti similitudini tra il discorso di Michelle e quello di Melania è stato un giornalista afroamericano disoccupato. Giornalista televisivo da poco licenziato, il 31enne Jarrett Hill stava seduto davanti al computer a un tavolino di uno Starbuck di Los Angeles guardando distrattamente la Trump, mentre controllava Twitter e Facebook, quando è stato colpito dalla frase "la forza dei sogni" che gli ha ricordato il discorso di Michelle. Sono così partiti i suoi due Tweet: "Melania deve aver apprezzato il discorso di Michelle Obama alla Convention del 2008 perché l'ha copiato", seguito da "Melania ha rubato un'intero paragrafo dal discorso di Michelle" a cui era allegato il testo originale dell'attuale first lady.

Rischia di rivelarsi, infatti, un boomerang per il Trump show il debutto sul palco della convention di Cleveland di Melania Trump.

"Io e Barack siamo cresciuti con così tanti valori in comune: devi lavorare sodo per quello che vuoi nella vita, che la tua parola è un vincolo e fai quello che dici che avresti fatto, che si devono trattare le persone con dignità e rispetto, anche se non li conosci anche se non sei d'accordo con loro".

Impressionanti le assonanze, se non il plagio vero e proprio, nel discorso di Melania: "fin da quando ero bambina i miei genitori mi hanno insegnato che devi lavorare sodo per quello che vuoi nella vita - ha detto la signora Trump che è nata nel 1970 a Knavs, allora parte della Jugoslavia comunista di Tito - che la tua parola è un vincolo e fai quello che dici e mantieni le promesse, che tratti le persone con rispetto". A parte l'ultima frase, in cui il riferimento al rispetto di chi è diverso sarebbe suonato troppo tollerante ed aperto rispetto al messaggio al limite della xenofobia e del razzismo di Trump, vi sono frasi completamente copiate dal discorso di Michelle, nata e cresciuta nel South Side di Chicago.

Le similarità non si fermano qui. Otto anni fa Michelle, madre delle allora ancora bimbe Malia e Sasha, sottolineava come l'impegno suo e del marito Barack fosse di trasmettere questi valori "alla prossima generazione: perché vogliamo che i nostri bambini, e tutti i bambini del Paese, sappiano che l'unico limite per i nostri successi è la forza dei nostri sogni e la volontà di lavorare per realizzarli".

Una first lady che, ironia della sorte, arriverebbe alla Casa Bianca al fianco di un presidente che promette di costruire muri per fermare i migranti dal Messico e vuole chiudere le frontiere ai migranti musulmani. "Noi vogliamo che i nostri bambini in questa nazione sappiamo che l'unico limite per i nostri successi è la forza dei nostri sogni e la volontà di lavorare per realizzarli", ha detto la madre di Baron, il quinto figlio di Trump.

Prima che scoppiasse il caso del 'discorso plagiato', Melania si era vantata, durante un'intervista, di aver scritto da sola il testo "con il minor aiuto possibile".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.