Home . Fatti . Esteri . Erdogan vola dal 'caro amico' Putin: "Tra Turchia e Russia rapporti sempre più stabili"

Erdogan vola dal 'caro amico' Putin: "Tra Turchia e Russia rapporti sempre più stabili"

ESTERI
Erdogan vola dal 'caro amico' Putin: Tra Turchia e Russia rapporti sempre più stabili

(Afp)

"Mio caro amico": così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è rivolto all'omologo russo Vladimir Putin durante la conferenza stampa congiunta a San Pietroburgo dopo il primo colloquio tra i due leader dalla crisi diplomatica esplosa lo scorso dicembre e dal fallito golpe in Turchia dello scorso 15 luglio. "Io e il mio caro amico Signor presidente abbiamo una posizione comune", ha detto Erdogan, parlando della "volontà di mostrare al resto del mondo che agiremo come Paesi amici". "Le relazioni tra Turchia e Russia continueranno a migliorare e crediamo che le nostre relazioni siano più stabili di sempre", ha proseguito il leader turco, che ha ringraziato più volte Putin, anche per "l'ospitalità offerta".

I rapporti "entreranno in una nuova fase" e la "solidarietà" tra i due Paesi "contribuirà a risolvere i problemi nella regione", ha proseguito il leader turco, che è tornato a ringraziare Putin per la telefonata dopo idello scorso 15 luglio: "La vostra telefonata dopo il tentativo di colpo di stato ci ha reso felici".

"So che sono stato tra i primi a telefonare per esprimere il mio sostegno", ha affermato Putin, "voglio dire ancora una volta che questa è la nostra posizione di principio: siamo contrari a ogni azione che violi la costituzione". "La visita odierna, nonostante una situazione molto difficile per la politica interna (in Turchia), indica che tutti noi vogliamo riprendere il dialogo e normalizzare le relazioni tra Russia e Turchia - ha proseguito Putin -. Spero che sotto la vostra guida il popolo turco superi questo problema".

Quello di oggi è il primo incontro di Erdogan e Putin dalla crisi diplomatica esplosa nel novembre dello scorso anno, quando un F-16 turco ha abbattuto un jet militare russo che dalla Siria era entrato nel territorio della Turchia, quello di oggi tra Erdogan e Putin rappresenta il coronamento di sforzi diplomatici di mesi per ricucire i rapporti tra i due Paesi.

In merito alla crisi siriana "al momento" Russia e Turchia non concordano "su tutti i punti", ma "coordinare le nostre posizioni è possibile se avessimo un obiettivo comune e quello è la fine della crisi siriana. Spero che questo sia la base per arrivare a una soluzione accettabile reciprocamente". Lo ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, nel corso di una conferenza stampa congiunta con il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, a San Pietroburgo.

"Ci siamo accordati che dopo la conferenza stampa discuteremo maggiormente della crisi in Siria e su come portare a termine il conflitto. Ne parleremo in separata sede", ha aggiunto Putin, precisando che "la lotta al terrorismo è uno dei temi più importanti della nostra cooperazione".

Due mesi prima della crisi diplomatica del novembre 2015 Russia e Turchia avevano concordato di aumentare gli scambi commerciali a un volume d 100 miliardi di dollari entro il 2023. Secondo l'Istituto di statistica turco il commercio tra i due Paesi è aumentato del 18% tra il 2010 e il 2014 superando i 30 miliardi d dollari.

Dati ufficiali forniti dagli istituti di statistica di Ankara e Mosca mostrano inoltre che lo scorso anno la Russia era la seconda maggiore destinazione per le esportazioni di prodotti turchi e la terza fonte di importazione per la Turchia. Nei prossimi sei mesi del 2016, però, le esportazioni dalla Turchia alla Russia sono calate del 60,5%, ovvero a 737 milioni rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

La crisi diplomatica ha anche avuto effetti negativi sul turismo dopo che Mosca ha vietato la vendita di pacchetti turistici e i voli charter verso la Turchia. A causa di queste restrizioni la Turchia ha perso 840 milioni di dollari di entrate dal turismo nella prima metà dell'anno e il numero di visitatori russi in Turchia è calato dell'87% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Il 30 giugno la Russia ha tolto il veto sui voli turistici in Turchia dopo una conversazione telefonica tra Putin ed Erdogan.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI