Home . Fatti . Esteri . Pakistan, uccise figlia 12enne perché aveva cucinato male: condannato a morte

Pakistan, uccise figlia 12enne perché aveva cucinato male: condannato a morte

ESTERI
Pakistan, uccise figlia 12enne perché aveva cucinato male: condannato a morte

(Xinhua)

Un tribunale distrettuale di Lahore, nel Pakistan meridionale, ha condannato a morte un uomo che a settembre dello scorso anno aveva ucciso la figlia dodicenne 'colpevole' di aver cucinato male dei chapati, il pane tradizionale pakistano e indiano. Lo rende noto il sito di Dawm spiegando che il giudice Asghar Khan ha stabilito che l'uomo non potesse essere perdonato per aver ucciso la figlia a sangue freddo e per futili motivi. Oltre alla condanna a morte, l'uomo dovrà pagare mezzo milione di rupie.

I fatti risalgono appunto al settembre dello scorso anno, quando una bambina di 12 anni è stata trovata senza vita davanti all'ospedale Mayo di Lahore, dove il padre l'aveva lasciata. Un funzionario di polizia, al momento dell'arresto, ha detto che l'uomo aveva pianto ''lacrime di coccodrillo'', ma che ''la madre aveva svelato come la figlia 12enne era stata picchiata brutalmente fino a essere uccisa''.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI