Home . Fatti . Esteri . Più che emergenti, i Brics sfidano il G7

Più che emergenti, i Brics sfidano il G7

ESTERI

Se la Cina manterrà i livelli di crescita registrati negli ultimi dieci anni, i Brics supereranno il G7 entro il 2035. Jim O'Neill - l'ex banchiere di Goldman Sachs ed ex sottosegretario al Tesoro britannico che nel 2001 coniò il termine Bric, per indicare le quattro potenze emergenti (Brasile, Russia, India, Cina, cui nel 2010 si unì il Sudafrica) simbolo di un centro di potere economico alternativo all'Occidente - ritiene ancora valido quanto predisse oltre un decennio fa.

Come ha ricordato alla vigilia del vertice di Xiamen, in Cina O'Neill: "Feci la previsione che, insieme, Brasile, Russia, India e Cina sarebbero diventati economicamente più grandi del G7 entro il 2035, con l'economia cinese più grande di quella americana entro il 2027. La base di partenza era che la Cina crescesse del 7,5% all'anno per un decennio e che poi la sua economia sarebbe rallentata nel decennio successivo. Al momento, in questo decennio, la Cina è cresciuta del 7,5%". Dunque, è la sintesi, quella previsione vale ancora.

L'agenda del summit , in programma fino a martedì 5 - con il tema 'Una partnership più forte per un futuro più brillante' - comprende discussioni sulla cooperazione economica, politica e di sicurezza, su scambi tra persone e imprese e sulla lotta ai cambiamenti climatici. Il messaggio di fondo emerso a Xiamen, nella Dichiarazione dei Leader dei Brics non lascia spazio a dubbi: Sì ad un'economia mondiale aperta ed inclusiva e un no deciso al protezionismo. "Sottolineiamo l'importanza di un'economia mondiale aperte ed inclusiva, che consenta a tutti i paesi e tutti i popoli di condividere i benefici della globalizzazione", si legge. "Continueremo ad opporci fermamente al protezionismo". "Ribadiamo il nostro impegno per la sospensione e riduzione delle misure protezionistiche e chiediamo agli altri paesi di unirsi a noi in questo impegno". Messi insieme, i cinque Paesi Brics contano per il 40% della popolazione mondiale, dal 2009 - anno in cui si tenne il primo vertice, in Russia - hanno rappresentato il 45% della crescita mondiale e contano per il 23% del Prodotto interno lordo mondiale.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI