Home . Fatti . Esteri . Missili su Aleppo

Missili su Aleppo

ESTERI
Missili su Aleppo

Immagine di repertorio

Diversi missili hanno colpito durante la notte alcune basi dell'esercito siriano e delle milizie iraniane nella province di Aleppo e Hama, nella Siria centrale. Lo ha reso noto la tv di Stato e l'agenzia di stampa Sana, secondo la quale "la nuova aggressione con i missili nemici" è avvenuta alle 22.30 ora locale. Non sono stati forniti ulteriori dettagli su eventuali vittime.

Una fonte delle forze di sicurezza ha spiegato che "un deposito di armi della 47esima brigata dell'esercito siriano è stato attaccato vicino a Hama. Di conseguenza si sono verificate esplosioni potenti e grandi incendi". Colpite anche le basi vicino all'aeroporto di Aleppo, secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani

Al momento non si sa chi ha lanciato i missili, ma vari media statali hanno suggerito che dietro gli attacchi potrebbe esserci Israele. Fonti vicine al governo hanno riferito alla Dpa che forti esplosioni sono state sentite anche vicino alla base di Nahar al Bard, a circa 60 chilometri a nord ovest di Hama, dove sono stanziate le truppe iraniane.

Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, sarebbero almeno 26 i morti e 60 i feriti negli attacchi. Secondo le notizie dell'Osservatorio rilanciate dall'agenzia di stampa Dpa, la maggior parte delle vittime sarebbero combattenti iraniani e si contano anche quattro caduti tra i militari siriani.

Ma l'Iran smentisce: sarebbero infatti "prive di fondamento" le notizie secondo cui la base iraniana in Siria sarebbe stata colpita nella notte. A scriverlo è l'agenzia di stampa iraniana Tasnim secondo cui non ci sarebbero iraniani tra le vittime degli attacchi nelle province siriane di Aleppo e Hama. "Sono infondate tutte le notizie su un attacco contro una base militare iraniana in Siria e sul martirio di diversi consiglieri militari iraniani in Siria", afferma una fonte anonima citata dalla Tasnim.

Anche l'agenzia di stampa semiufficiale iraniana Isna cita fonti anonime secondo cui non ci sarebbero consiglieri militari iraniani tra le vittime degli attacchi. In precedenza la stessa Isna, citando fonti straniere, aveva riferito di 18 iraniani rimasti uccisi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.