Home . Fatti . Politica . Pd, malore per Bonaccini: salta il confronto con Balzani

Pd, malore per Bonaccini: salta il confronto con Balzani

POLITICA
Pd, malore per Bonaccini: salta il confronto con Balzani

Stefano Bonaccini

Il segretario regionale del Pd, Stefano Bonaccini, è stato costretto domenica sera a cancellare il confronto a Reggio Emilia con lo sfidante alle primarie del Pd per la poltrona di governatore Roberto Balzani a causa di un malore. Bonaccini è stato ricoverato al Policlinico di Modena. Il malore sarebbe dovuto ad affaticamento e stress.

Nel pomeriggio di domenica, dal palco della Festa dell'Unità di Bologna, Bonaccini ha confermato la sua corsa per le primarie dell'Emilia Romagna in vista delle regionali per la successione a Vasco Errani, nonostante l'indagine per peculato nell'ambito dell'inchiesta sulle 'spese pazze' in Regione. ''L'onestà è sempre stata la stella polare del mio agire politico'', ha detto facendo scattare l'applauso della platea. ''Mi candido perché sono una persona onesta e perbene'', ha dichiarato.

''Non sono giorni facili'', ammette il segretario dem ricordando il ''fuoco pesante'' scatenatosi dopo l'iscrizione nel registro degli indagati ma anche ''la solidarietà arrivata dai vertici nazionali''. ''Non vedo alcun complotto'', sottolinea Bonaccini, prendendo le distanze dall'accusa di 'giustizia a orologeria' circolata in alcuni ambienti dem. ''Attendo fiducioso il pronunciamento dei giudici'', ha aggiunto ma ''in questi giorni parlerò d'altro. Ovvero di Emilia Romagna''.

Dopo quarantacinque minuti in cui ha illustrato la sua ''idea di regione e di governo'' e prima di avviarsi alla conclusione del suo intervento, Bonaccini ha rivolto un pensiero ''a Matteo Richetti'' - l'ex temuto avversario alle primarie emiliane, anche lui indagato per peculato nell'ambito della stessa inchiesta - che saprà dimostrare la sua innocenza''.

Dopo il passo indietro di Richetti, alle primarie del 28 settembre restano in campo Bonaccini e l'ex sindaco di Forlì Roberto Balzani.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI