Home . Fatti . Politica . Regionali in Campania, fittiani con De Luca: nasce la lista 'Campania Civica'

Regionali in Campania, fittiani con De Luca: nasce la lista 'Campania Civica'

Il vicepresidente di Gal, scelta indipendente dallo scontro tra Fitto e Berlusconi

POLITICA
Regionali in Campania, fittiani con De Luca: nasce la lista 'Campania Civica'

(Infophoto)

'Campania civica', la lista messa in campo dai fittiani in Campania in sostegno al candidato governatore del Pd Vincenzo De Luca, sarà presentata lunedì a Napoli, alle 12 all'Hotel Mediterraneo. Mentre si consuma lo scontro tra Raffaele Fitto e Silvio Berlusconi, i fittiani in Campania si sganciano di fatto dal candidato di Forza Italia, il presidente uscente Stefano Caldoro. Ma il senatore e vicepresidente di Gal eletto in Campania con il Pdl Vincenzo D'Anna ci tiene a precisare che le due questioni 'viaggiano' separate.

"Quanto sta accadendo tra Fitto e Berlusconi non ha affatto influenzato la scelta di presentare una lista che sosterrà De Luca in Campania - dice all'AdnKronos D'Anna - Io, ante litteram, ho contestato le nomine verticistiche fatte in Campania che risalgono a gennaio 2014, dunque a tempi non sospetti: la Campania ha assaggiato prima degli altri la tracotanza e l'insipienza politica del 'cerchio magico', l'ingerenza patronale della Pascale e della Rossi, che hanno determinato, sulla base dei propri umori e amicizie, la selezione della classe dirigente, quindi noi siamo antesignani rispetto alla battaglia di Fitto. Già un anno fa, con la nomina di De Siano a coordinatore regionale, avevo denunciato un partito allo sbando".

"Ci siamo agganciati a Scelta civica perché è un partito anch'esso in fase di ristrutturazione profonda, fatto di moderati - prosegue - Ho convenuto con Fitto, ma prima della vicenda della Regione Puglia, che noi ci teniamo le mani libere come fittiani: è una vicenda regionale che nulla dovrebbe avere a che fare con il quadrio politico che si va sviluppando sul piano nazionale. Ovviamente, poiché in Puglia è successo quello che è successo, questa posizione andrà forse rideterminata ma devo parlarne con Fitto".

"Presenteremo il simbolo e il programma insieme agli amici di Scelta Civica, il cui simbolo sarà ricompreso in quello di Campania civica", spiega D'Anna. "E' una lista composita, che non fa riferimento a una persona - prosegue il senatore - Abbiamo trovato vari spezzoni di area moderata che giudicano negativamente l'esperienza di Caldoro alla guida della Regione, quelli provenienti dall'area di Forza Italia, me compreso, che giudicano in maniera negativa la gestione nepotistica e familistica del partito, che in Campania è stato messo in mano agli amici di Francesca Pascale e Maria Rosaria Rossi".

Secondo D'Anna, in Campania "Forza Italia ormai è un partito inesistente, ne viene usato solo il simbolo per raggiungere scopi che con i programmi e i valori di Forza Italia non hanno niente a che vedere. La stessa cosa può dirsi della giunta Caldoro, che guarda al partito del presidente con interlocuzioni tra persone e non tra partiti, e lo stesso vale anche per Ncd, che ha intrerloquito con Caldoro e non con Forza Italia".

Quanto all'avvicinamento di Caldoro a spezzoni del Pd in disaccordo con la candidatura di De Luca, come Guglielmo Vaccaro, secondo D'Anna "Caldoro ha sempre predicato una cosa e poi praticato l'esatto contrario. A noi ha chiesto un atto di coerenza con lo schieramento di centrodestra mentre lui già apre a spezzoni del centrosinistra, cosa che per la verità ha fatto già nella precedente consiliatura, dove spesso è stato supportato da tronconi del centrosinistra, e nella fattispecie ha sempre operato per rafforzare la sua posizione, anche ora che lavora per avere una lista forte".

Così, per D'Anna, se "Caldoro è un ottimo politico ma un pessimo amministratore", De Luca invece "ha un forte radicamento tra le gente, è percepito come un uomo capace, in grado di portare a concreta soluzione alcuni dei tanti problemi rimasti irrisolti con Caldoro".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.