Home . Fatti . Politica . Interrogazione del Pd al Governo: "Cyber fango M5S contro di noi"

Interrogazione del Pd al Governo: "Cyber fango M5S contro di noi"

POLITICA
Interrogazione del Pd al Governo: Cyber fango M5S contro di noi

(Fotogramma)

"Esiste una struttura che lavora nel web con il compito di diffamare con notizie false il Pd e le istituzioni della Repubblica? Se vero, da chi è controllata e in che modo è organizzata?" Queste le domande rivolte al governo in un'interrogazione del Pd che ha come primo firmatario il capogruppo in commissione Affari costituzionali, Emanuele Fiano.

L’interrogazione punta ad ottenere chiarimenti dopo una denuncia alla Procura di Firenze del sottosegretario Luca Lotti e da un’inchiesta giornalistica sul ruolo opaco che sarebbe svolto da un account legato al M5S gestito da una cosiddetta 'star della galassia social' che risponde al nome di Beatrice Di Maio.

"Di questa preoccupante ipotesi di una macchina del fango costruita ad arte a favore del M5S – dichiara Fiano - ne sanno qualcosa il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, Grillo, Davide Casaleggio, Di Battista? Oppure ancora una volta saranno bravi a urlare nei loro comizi ma a tacere quando si tratta di ipotesi così gravi che li riguardano".

LA REPLICA DEL M5S - "Troviamo ridicolo che il sottosegretario Lotti e il principale partito di maggioranza dedichino tempo a vere e proprie stupidaggini, che nulla hanno a che vedere con il Movimento 5 Stelle. Il governo piuttosto che dedicarsi al cyber-onanismo pensi ai veri problemi del Paese: la disoccupazione, i problemi della sanità, il dissesto ambientale, la corruzione e la povertà". Così i capigruppo M5S di Camera e Senato Giulia Grillo e Luigi Gaetti, riguardo alla vecenda della denuncia sporta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI