Home . Fatti . Politica . Legge elettorale, Boschi: "Inciucio? Pd da solo non ha numeri"

Legge elettorale, Boschi: "Inciucio? Pd da solo non ha numeri"

POLITICA
Legge elettorale, Boschi: Inciucio? Pd da solo non ha numeri

Maria Elena Boschi (FOTOGRAMMA)

Gentiloni "ha detto di lasciare ai gruppi parlamentari il protagonismo sulla legge elettorale nella ricerca di un accordo" ma, "per quanto riguarda il Pd, abbiamo presentato il Mattarellum e il Rosatellum e ci siamo rimessi al dibattito". Lo dice la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, nel corso di un'iniziativa al Centro studi americani.

"Il Pd da solo - spiega - non ha i numeri per approvare la legge elettorale. E un po' difficile sapere cosa fare quando se fai da solo dicono che sei isolato e se cerchi l'accordo dicono che c'è l'inciucio. Noi abbiamo fatto la proposta, vedremo se si trova l'accordo".

RENZI - "Riproviamo con la tela di Penelope della legge elettorale. Ma vogliamo farlo chiedendo a tutti i partiti di tirare giù le carte in modo chiaro". E' quanto scrive su Facebook il segretario del Pd, Matteo Renzi. "Per tutta la settimana il Pd sarà pronto a incontrare gli altri partiti, nelle forme e nelle delegazioni che siamo pronti a concordare con i singoli schieramenti. E martedì 30, al termine di questo percorso, discuteremo in modo trasparente in Direzione Nazionale della linea da prendere: perché noi siamo un partito democratico nel nome e anche nei fatti".

"Alla fine - assicura il segretario Dem - ciascuno si prenderà le proprie responsabilità davanti agli italiani senza giochi e giochetti. Una politica diversa è anche una politica che dice basta a chi vuole solo rinviare, a chi sa solo dire no. Noi ci siamo. E vogliamo andare avanti, insieme".

MARTINA - Per il il ministro Maurizio Martina, vicesegretario del Partito democratico, "c'è un lavoro in commissione che ha i suoi tempi, noi abbiamo detto quello che dovevamo dire in termini di disponibilità al confronto" ha detto ai cronisti che chiedevano un commento a quanto dichiarato dal leader di Ap, Angelino Alfano, in merito al dibattito sulla legge elettorale.

"Credo che dobbiamo lavorare tutti perché in modo rapido si arrivi a un'ipotesi sulla base del testo che abbiamo presentato, che si discuterà a breve", ha aggiunto Martina, che ha ricordato: "Come abbiamo detto anche in queste ore, massima disponibilità a confrontarci. L'importante è dare agli italiani una legge elettorale di stampo europeo, utile".

DI MAIO - Da parte M5S "c'è la massima apertura partendo dall'unica legge costituzionale che c'è, che è quella uscita dalla sentenza della Corte costituzionale e vedendo quali possono essere gli accordi su quella". Così il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, nel corso di un dibattito con Boschi, Lupi e Gianni Letta al Centro studi americani.

BERLUSCONI - Intanto la trattativa tra gli emissari di Fi e Pd continua sotto traccia. Ma ancora non c'è nessun accordo in vista e le incognite restano molte. Ad Arcore per il classico 'lunedì operativo' dedicato agli affari e alla politica con i figli e i vertici delle sue aziende, Silvio Berlusconi resta a guardare quel che accade nei palazzi romani. Il Cav non si fida di Matteo Renzi: dopo la rottura del patto del Nazareno, teme un secondo 'tradimento', ma sa anche che stavolta il neo segretario del Pd non ha la forza di un tempo, i grillini sono super favoriti alle prossime elezioni e con questa legge elettorale, poi, nessuno è in grado di vincere.

La partita, va dicendo Berlusconi, è apertissima e porta dritto alla grande coalizione il giorno dopo il voto, anticipato o meno che sia. Troppi gli stop and go degli ultimi giorni, ora la palla passa ai Dem, è il messaggio che arriva da Villa San Martino. Dopo l'apertura fatta dalle colonne de 'Il Messaggero' (con il via libera sostanziale ad aprire il confronto su un sistema proporzionale in cambio del voto in autunno), Berlusconi, riferiscono, attende segnali concreti da Largo del Nazareno.

Bisogna capire se il Pd fa sul serio, avrebbe detto il leader azzurro ai suoi, preoccupato anche da un'eventuale asse Renzi-Salvini per tagliare fuori dai giochi Forza Italia. Gli sherpa azzurri, intanto, stanno preparando una serie di emendamenti 'proporzionalisti' per correggere il Rosatellum: la scadenza per la presentazione è prevista venerdì alle 15, mentre l'esame in commissione Affari costituzionali di Montecitorio inizierà lunedì 29 e il mandato al relatore sarà votato il primo giugno.

"Renzi insiste sul voto a settembre e sulla soglia di sbarramento al 5%, ma bisogna capire fino a che punto possiamo fidarci", dice a mezza bocca un big azzurro alle prese con il dossier elettorale. Nel week end, dopo il lancio del 'Movimento animalista', preludio di una lista ad hoc alle prossime politiche, Berlusconi avrebbe confidato che l'accelerazione di Renzi sul voto possa essere di fatto un bluff, ovvero una mossa per stanare Fi e farla uscire allo scoperto. "Un modo, come direbbero i giocatori di poker, per 'vedere''', spiegano fonti azzurre. Da qui la cautela di Berlusconi e la replica attraverso un'intervista domenicale mirata per rilanciare e costringere i renziani a scoprire le carte.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI