Home . Fatti . . La Fia 'scongela' i motori, sì allo sviluppo durante il Mondiale 2015

La Fia 'scongela' i motori, sì allo sviluppo durante il Mondiale 2015

La Fia 'scongela' i motori, sì allo sviluppo durante il Mondiale 2015

(foto Xinhua)

I costruttori potranno sviluppare i motori durante il Mondiale 2015 di Formula 1. La novità regolamentare, che potrebbe mettere in discussione il dominio della Mercedes, secondo il magazine 'Autosport' è stata sdoganata dalla Federazione internazionale (Fia) dopo un esame dell'attuale normativa.

La Fia, in sostanza, ha verificato che le regole in vigore non indicano in maniera esplicita la data entro cui va omologato il propulsore per la prossima stagione. "Era previsto, anche se non espressamente affermato nelle regole, che i costruttori avrebbero gestito le modifiche del propulsore nell'ambito dei limiti normativi e che avrebbero consegnato il motore nella prima gara. E' semplice, ma quando si va a leggere" il regolamento "non è scritto così", dice un anonimo portavoce della Fia.

L'argomento, secondo Autosport, è stato sollevato a novembre da James Allison, direttore tecnico della Ferrari, nel meeting del gruppo di lavoro della Fia che si è tenuto ad Abu Dhabi, nel weekend dedicato all'ultimo Gp stagionale. Il tema è stato approfondito nelle settimane successive. Alla fine, la federazione ha informato i team: non c'è una data per l'omologazione dei motori 2015.

I costruttori quindi potranno modificare i motori nel corso della stagione come Charlie Whiting, delegato tecnico della Fia, ha scritto alle squadre nel periodo natalizio. Gli unici limiti saranno quelli già previsti dal regolamento che, tra l'altro, non consente di utilizzare più di 4 unità per ciascuna monoposto durante l'anno. L'attività di sviluppo potrà essere svolta da Mercedes, Ferrari e Renault. Non però dalla Honda, che nel 2015 torna nel circus come partner della McLaren. La casa giapponese deve consegnare il proprio motore entro il 28 febbraio, come hanno fatto gli altri costruttori nel 2014.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI