Home . Immediapress . Energia . I sindaci di Parigi, Madrid, Atene e Città del Messico inciampano; i paesi africani fanno le cose giuste nelle politiche per la pulizia dell'aria e per un carburante e una tecnologia diesel più puliti

I sindaci di Parigi, Madrid, Atene e Città del Messico inciampano; i paesi africani fanno le cose giuste nelle politiche per la pulizia dell'aria e per un carburante e una tecnologia diesel più puliti

ENERGIA

WASHINGTON, 8 dicembre 2016 /PRNewswire/ -- La settimana scorsa, i sindaci di quattro città - Parigi, Madrid, Città del Messico e Atene –
hanno annunciato
di essersi impegnati per rimuovere i veicoli diesel dalle loro città entro il 2025.  La scorsa settimana, cinque paesi africani - Ghana, Costa d'Avorio, Togo, Nigeria e Benin –
hanno annunciato
di voler rifiutare le spedizioni di carburante diesel ad alto contenuto di zolfo dall'Europa e richiesto di cominciare a ricevere un gasolio più pulito come quello disponibile in molte altre parti del mondo.

Allen Schaeffer, direttore esecutivo del Diesel Technology Forum (USA), ha emesso la seguente dichiarazione oggi a proposito di questi sviluppi:

"La promessa dei quattro sindaci di bandire il diesel o ogni altra tecnologia può fare un bel titolo di giornale ma non è una buona politica pubblica. Va contro la scelta popolare del consumatore, può rendere la qualità dell'aria peggiore, e gli obiettivi di cambiamento climatico saranno probabilmente ancor più lontani da raggiungere.

"Per contro, le cinque nazioni africane che riconoscono l'opportunità di importare tecnologia più pulita e la necessità di carburante diesel a bassissimo tenore di zolfo, andranno avanti.  Negli Stati Uniti, il carburante diesel pulito e i nuovi motori diesel raggiungono oggi emissioni vicine allo zero e costituiscono una parte importante della strategia per conseguire un'aria più pulita e ridurre le emissioni dei gas serra. La nuova tecnologia diesel soddisfa anche l'alta domanda di carburante dei consumatori senza sacrificare la performance del veicolo o la mobilità.   

Il carburante diesel più pulito e i motori moderni generano benefici all'aria pulita"Il Consiglio internazionale sul trasporto pulito e la Coalizione sul clima e l'aria pulita, un'iniziativa del Programma per l'Ambiente dell'ONU, ha identificato politiche per promuovere l'accesso al gasolio pulito e l'introduzione di nuovi motori diesel come importante elemento per generare benefici in termini di aria pulita e al contempo ridurre sostanzialmente le emissioni di gas serra. 

"Tutte le fonti di emissioni, siano veicoli che fonti fisse e industriali, contribuiscono alla sfida delle emissioni di tutte le aree metropolitane e degli stati.  Invece di concentrarsi su un carburante e una tecnologia, i governanti delle città dovrebbe perseguire un approccio olistico che acceleri il ritiro di veicoli vecchi e ad alta emissione indipendentemente dal tipo di carburante.

"In Francia, Spagna e Grecia, le auto diesel sono oltre il 50 percento di tutte le auto immatricolate, a riflettere le preferenze degli automobilisti francesi, spagnoli e greci.  Negare loro la possibilità di scegliere il loro veicolo preferito comprese le tecnologie diesel più pulite disponibili è una politica miope e mal concepita.  

I veicoli diesel dovevano raggiungere gli obiettivi europei di CO2"In collaborazione con i produttori, l'Unione Europea sta compiendo passi importanti per adottare standard di emissione dei veicoli più stringenti e migliorare i test di emissione.  Per ottenere le riduzioni nelle emissioni di gas serra che consentano di raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi sul clima, si devono sostenere progressi continui verso basse emissioni di CO2.  I produttori hanno già dichiarato che il basso livello di CO2 delle più nuove auto diesel sarà una strategia chiave nel soddisfare l'accordo di Parigi. Ciò rende la missione di questi quattro sindaci ancor più confusa. 

"Le tecnologie come quelle dei veicoli elettrici o a idrogeno possono fornire nuove opzioni ai consumatori in futuro, ma non possono rendersi disponibili nei tempi e dimensioni che queste città necessitano per raggiungere continue riduzioni di CO2.

La congestione del traffico causa problemi di emissioni nelle città più vecchie e densamente popolate"Senza dubbio, molte grandi città di trovano ad affrontare la crescente pressione di sempre più veicoli sulle strade, congestione in aumento e problemi di emissioni.  Parigi è una delle città più densamente popolate del mondo, Atene è una delle più antiche, Madrid è la terza più grande città d'Europa, e Città del Messico è una delle più grandi del mondo intero. Il non avere investito in trasporti e infrastrutture ha ridotto la mobilità, aumentato la congestione, con il risultato che le conseguenti preoccupazioni per le emissioni derivanti da una flotta di veicoli vecchi ha generato pressione politica per intraprendere una qualche azione. In questo quadro, quattro sindaci si sono mossi erroneamente contro le auto diesel.

Il ritardo nelle politiche per il diesel pulito inibisce il progresso"Nel caso di Città del Messico, unirsi in questa missione suona particolarmente ironico. Per anni, il governo messicano ha fatto promesse di portare un diesel più pulito in tutto il Messico, ma deve ancora raggiungere questo obiettivo. A differenza degli USA che hanno avuto il gasolio a bassissimo tenore di zolfo fin dal 2006, questo non è ancora il carburante di base in tutto il Messico. Questo serio fallimento delle politiche limita notevolmente la capacità del paese di introdurre su base regionale di larga scala i motori e le auto diesel veramente puliti che possano assicurare il progresso verso obiettivi di aria pulita.

I paesi africani sono nel giusto nell'esigere gasolio più pulito"E mentre quattro governanti di città rifiutano la nuova tecnologia, altri paesi la abbracciano. I paesi africani Ghana, Costa d'Avorio, Togo, Nigeria e Benin si sono uniti per rifiutare il gasolio di bassa qualità spedito loro dall'Europa ed esigono ora che i loro paesi ricevano il diesel più pulito che esiste. Si muovono in avanti e ciò consentirà loro di migliorare sensibilmente la qualità dell'aria e la salute dei loro cittadini abbracciando il carburante e la tecnologia del diesel pulito, non mettendoli al bando."

INFORMAZIONI SUL DIESEL TECHNOLOGY FORUMIl Diesel Technology Forum (USA) è un'organizzazione no profit dedicata ad aumentare la consapevolezza dell'importanza di motori, carburante e tecnologia diesel. Per maggiori informazioni visitate www.dieselforum.org.

Contatto:    Steve Hansenshansen@dieselforum.org301-668-7230 (u)443-745-8391 (c)

Esperto disponibile sul tema: per informazioni sull'esperto in lista, cliccate sull'apposito link. Allen SchaefferProfNet - http://www.profnetconnect.com/Schaeffer

Logo - http://photos.prnewswire.com/prnh/20120201/MM46474LOGO

 

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI