Home . Intrattenimento . Spettacolo . Richelmy e Favino nel 'Marco Polo 2' di Netflix: scontro di civiltà e dramma familiare

Richelmy e Favino nel 'Marco Polo 2' di Netflix: scontro di civiltà e dramma familiare

SPETTACOLO
Richelmy e Favino nel 'Marco Polo 2' di Netflix: scontro di civiltà e dramma familiare

Uno scontro di civiltà, tra guerre e introghi di corte, ma anche un dramma familiare. La seconda stagione del 'Marco Polo' di Netflix debutterà il primo luglio e promette non pochi colpi di scena. La grande produzione internazionale torna con dieci nuovi episodi e al centro della scena ci saranno ancora due attori italiani: Lorenzo Richelmy torna infatti ad interpretare il protagonista Marco Polo ma sulla scena fa il suo ritorno, piuttosto imprevisto, il padre Niccolò Polo, interpretato da Pierfrancesco Favino, che nella prima serie aveva abbandonato il figlio alla corte di Kublai Khan ed aveva ripreso la Via della Seta e che lo ritroverà cresciuto e con un ruolo importante.

"Si riparte -spiega Richelmy- da dove ci eravamo lasciati, con la Cina appena unificata e i problemi che ne derivano, tra insidie ed intrighi interni ed esterni. Marco Polo è ormai completamente inserito nella corte del Khan. Se nella prima serie si vedeva un giovane ragazzo crescere, qui vedrete Marco Polo diventare un adulto e svelare anche una parte più 'oscura'. Ma questo è soprattutto un dramma familiare". E a questo dramma contribuirà in maniera decisiva il ritorno del padre del protagonista, Niccolò Polo, interpretato da Pierfrancesco Favino. "Niccolò -dice Favino- fa il suo ritorno inatteso. Lo vedremo tornare in maniera molto sorprendente nella vita di Marco e gli creererà non pochi imbarazzi e tormenti, personali e direi anche storici. Di più non posso dire per non fare 'spoileraggio' ma anche attraverso Niccolò ci sarà uno scontro di civiltà, che non è così lontano da tensioni che viviamo nell'epoca attuale".

La nuova stagione, girata fra Kazakistan, Malesia, Venezia e Budapest, e realizzata grazie una grande produzione internazionale vede l'ingresso nel cast di due stelle come Gabriel Byrne, che vestirà i panni di Papa Gregorio X, e Michelle Yeoh, che interpreta una guerriera legata al passato oscuro del monaco Cento Occhi. "Questa seconda stagione registra una crescita -assicura Favino- sia dal punto di vista visivo che del racconto. C'è un'attenzione ai dettagli accresciuta e un'attenzione più grande ai personaggi. La possibilità di vederla per chi vorrà in 4K e davvero come il miglior cinema". Per Richelmy anche la produzione come la storia di Marco Polo è "davvero avventurosa": "Anche questo è stato un grande viaggio, affrontato con una produzione di 800 persone di 38 nazionalità diverse. E questo ti dà la sensazione ogni giorno sul set di partecipare davvero a qualcosa di epico", conclude il protagonista.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI