Home . Intrattenimento . Spettacolo . 'Talento straordinario', la politica ricorda Paolo Villaggio

'Talento straordinario', la politica ricorda Paolo Villaggio

SPETTACOLO
'Talento straordinario', la politica ricorda Paolo Villaggio

Paolo Villaggio nel film 'Fantozzi il ritorno' (FOTOGRAMMA)

"Ricordo #PaoloVillaggio, talento comico straordinario ha insegnato a generazioni di italiani a riconoscere i propri tic". Lo scrive su Twitter il premier Paolo Gentiloni, a proposito della scomparsa di Paolo Villaggio, morto a Roma a 84 anni.

MATTARELLA - Anche il presidente della Repubblica ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa di Villaggio, "attore di talento che ha saputo raccontare con acume ed efficacia vizi e virtù degli italiani", rende noto il Quirinale.

BOLDRINI - Addio "ai suoi personaggi, maschere amare di un certo costume italiano entrato nel nostro lessico e nella nostra memoria" scrive su Twitter la presidente della Camera Laura Boldrini.

GRASSO - Per il presidente del Senato, Pietro Grasso, Villaggio "ci ha fatto ridere del peggio di noi stessi, smascherandolo e trasformando in comico il lato 'tragico' della vita".

GRILLO - "Un dolore sordo" scrive Beppe Grillo, esprimendo sul suo blog il cordoglio per la morte del comico-scrittore e autore genovese. "Il mio primo pensiero è stato 'macché morto, sono balle'. Ho provato lo stesso dolore quando morì Alberto Sordi, sto parlando di due 'ultraitaliani'. Sordi e Villaggio hanno mostrato il nostro peggio e per questo avvertiamo un dolore così intenso: nel rappresentarci davano la sensazione di capirci".

FRANCESCHINI - "Autore e attore straordinario e poliedrico, Paolo Villaggio ha attraversato con verve, ironia e profonda intelligenza numerose stagioni del cinema italiano, a partire dall'invenzione letteraria del ragionier Ugo Fantozzi e alla sua trasposizione cinematografica per arrivare all'autorialità di Federico Fellini" afferma il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini. "Dai testi teatrali a quelli per De André, la sua creatività e la sua inventiva si sono espresse senza limiti e confini. Oggi con lui scompare un grande italiano, un interprete capace di restituirci con la sua comicità surreale e la sua satira irridente un'immagine del Paese in cui tutti, in diverse misure, ci siamo riconosciuti".

RENZI - "Alzi la mano chi non ha mai riso, sofferto, pensato davanti a un suo personaggio, davanti a una delle sue battute o dei suoi personaggi. Nessuno, non alza la mano nessuno" scrive Matteo Renzi sulla sua pagina Facebook. "Perché Paolo Villaggio è stato capace di questo: portare il proprio talento in casa di tutti gli italiani, anche di quelli che non lo amavano troppo. Questo significa secondo me essere un artista straordinario e per questo, quando sei ai titoli di coda, puoi solo dire grazie, senza retorica", aggiunge il leader del Pd.

TOTI - "Addio a un grande ligure e un grande genovese. Con la sua ironia e la sua bravura ha scritto una pagina importante e indelebile del cinema italiano. Paolo Villaggio ci ha fatto ridere e riflettere come pochi. Un grande vuoto. Ciao Paolo e grazie di tutto" scrive su Facebook Giovanni Toti, presidente della regione Liguria e consigliere politico di Silvio Berlusconi.

SALVINI - "Buon viaggio immenso Paolo Villaggio! Altro che 'cinema minore', eri un Numero Uno. Sempre viva la Pina, la Coppa Cobram e il pesce ratto" dice il segretario della Lega Matteo Salvini.

RAGGI - In un tweet, anche la sindaca di Roma Virginia Raggi esprime il "cordoglio per la scomparsa": "Con lui va via un grande protagonista del cinema, del teatro e della televisione italiana".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI