Home . Intrattenimento . Spettacolo . Danza: Micha van Hoecke e Emio Greco protagonisti a Cagliari del Find 2017

Danza: Micha van Hoecke e Emio Greco protagonisti a Cagliari del Find 2017

Il Festival Internazionale Nuova Danza, diretto da Cristiana Camba, si svolgerà dal 19 settembre al 13 novembre

SPETTACOLO
Danza: Micha van Hoecke e Emio Greco protagonisti a Cagliari del Find 2017

Micha van Hoecke protagonista al Find 2017 di Cagliari con lo spettacolo autobiografico 'Pensieri dell'anima'

Micha van Hoecke e il Ballet National de Marseille, diretto da Emio Greco e Pieter C. Scholten, Maurizio Favale e Susanne Linke, sono alcuni dei protagonisti della XXXV edizione del Festival Internazionale Nuova Danza di Cagliari, diretto da Cristiana Camba, che si svolgerà dal 19 settembre al 13 novembre.

In cartellone non solo danza contemporanea, performance e incursioni artistiche in diversi luoghi della città. Teatro Massimo, Ex Art, Teatro Auditorium Comunale, Via Dettori e Corso Vittorio Emanuele. In programma oltre 20 titoli, tra prime italiane, grandi nomi della coreografia europea e progetti in collaborazione con network nazionali.

Nato nel 1983 e fedele allo spirito d’avanguardia che ne ha fatto un punto di riferimento per le ultime generazioni di artisti, il Find è tra le manifestazioni di danza contemporanea più longeve sul territorio nazionale - ha raccontato Cristiana Camba- Alla mission di introdurre in Sardegna i codici della contemporaneità, il Festival ha unito negli anni il proprio segno distintivo, dando spazio a nuove forme di creatività che dall’isola hanno iniziato a diffondersi in Italia e in Europa''.

''L’obiettivo del Find è quello di offrire al pubblico una fotografia del presente attraverso i linguaggi della nuova danza - ha spiegato ancora - Forma d’arte in movimento in grado di cogliere l’attimo e di proiettarlo nel futuro. Per questo, la manifestazione accoglie anche quest’anno protagonisti storici, nuove certezze e artisti emergenti della danza contemporanea internazionale in un programma in tre sezioni.

Il cartellone principale sarà a Cagliari (dal 19 settembre al 1° ottobre), accanto anche Find Ragazzi (dal 22 ottobre al 13 novembre) e un mini festival si svolgerà invece a Serrenti, cittadina a 30 km da Cagliari (dal 19 al 27 settembre e dal 21 ottobre all’11 novembre). Evento d’apertura del Find 35 (19 e 20 Settembre - Rete filoviaria CTM, ore 17 e ore 20) in prima nazionale, la pièce 'Sull’autobissolo, sull’autobussolo' di Maya Inc (Sardegna) firmato da di Senio Giovanni Barbaro Dattena.

Un’incursione artistica di bizzarri personaggi un po’ fuori dal mondo, sognatori attenti ai particolari, che guardano il cielo, praticano la gentilezza e amano ancora la bellezza. Con un titolo tratto da 'Esercizi di stile' di Raymond Queneau, un inaspettato attimo di poesia che irrompe delicatamente nella frenesia quotidiana.

Il 21 settembre, in programma tre spettacoli in tre luoghi della città. Alle ore 18 presso il centro Ex Art, la compagnia Le Supplici va in scena con 'Seagull sleeps' di Fabrizio Favale. Un lavoro che si articola nello spazio tra incastri e slittamenti, linee e contrappesi, alla ricerca di nuove definizioni del materiale coreografico.

Alle 19.30 in Corso Vittorio Emanuele per Danza Urbana XL (in collaborazione con il Network Anticorpi XL), Joshua Monten, artista nato a New York City e attivo in Svizzera, presenta 'Kill your darlings', creazione per la sua compagnia fondata nel 2012, oggi regolarmente ospite dei maggiori festival in Europa, America e Asia. Un gioco (campana) si trasforma in danza, tra geometrie e ritmi progressivamente più complessi in un coinvolgente viaggio intorno alla body percussion.

Alle 21 al Teatro Auditorium Comunale, la compagnia toscana Versiliadanza propone 'Mit Affekt'. Nell’ispirazione coreografica di Angela Torriani Evangelisti, il richiamo di un’esperienza artistica folgorante, l’incontro con l’arte di Susanne Linke e con il suo 'Affekt', un titolo che a distanza di 25 anni trasforma la propria declinazione e oltrepassa il concetto di tempo gettando, come direbbe Dino Campana, 'un ponte sull’infinito'.

Il 22 settembre alle 21 al Teatro Auditorium Comunale, Točnadanza di Venezia porta in scena 'Notturni d’acqua', coreografia di Michela Barasciutti ispirata al cambiamento, un notturno sospeso tra sogno e memoria, corpo e luce, impalpabile e inesorabile come l’acqua che accarezza la terra e poi si ritira seguendo la guida lunare.

Tra gli appuntamenti centrali del Find 35, lo spettacolo 'Pensieri dell’anima. Ritratto di Micha van Hoecke' (23 settembre - Teatro Auditorium Comunale, ore 21), creazione del carismatico coreografo-regista belga, per anni collaboratore prediletto di Maurice Béjart, direttore a Bruxelles dell’École Mudra e poi fondatore della compagnia l’Ensemble.

In scena lo stesso Micha van Hoecke, accompagnato dai danzatori del progetto Offbeat.lab | Padova Danza (Veneto). Un ritratto d’artista fatto di gesti e parole, tra la malinconia del ricordo, la gioia del vissuto, l’ironia del racconto. Un progetto firmato da Gabriella Furlan Malvezzi.

Doppio appuntamento con il Gruppo e-Motion. A Cagliari porterà il 23 settembre alle 18, presso Ex Art, con Crossover, una creazione di Manolo Perazzi in bilico tra pensiero e percezione, istinto e animalità, 'Crossover', mentre il 27 settembre alle 21, al Teatro Auditorium Comunale, 'In-habit' di Francesca La Cava. Un lavoro tra bianchi panneggi sospesi e corde annodate, una stratificazione di composizioni visive e rapporti aritmetici in un gioco fulmineo tra forma e segno, cielo e terra.

Il 24 settembre, appuntamento con il Progetto QLab, collaborazione tra Maya Inc e il Liceo Artistico Brotzu di Quartu S. Elena da cui sono nate tre performance, con la supervisione del coreografo e danzatore Matteo Corso, in cui gli studenti sono ideatori e registi. Alle 18 in Via Dettori, 'An addiction' (studio sulle dipendenze e sulle ossessioni), alle 19 presso il foyer del Teatro Auditorium Comunale, 'Raw' (una riflessione sul dramma dei migranti, sulle guerre e sulla xenofobia contemporanea), e alle 20 nello stesso Auditorium, 'Divisi' (l’abbattimento dei muri delle diversità attraverso le porte dell’uguaglianza, della conoscenza e della condivisione).

Nella stessa serata, alle 21,15, sul palcoscenico del Teatro Auditorium giunge Paula Quintana, ballerina, attrice e coreografa originaria di Tenerife, protagonista della scena contemporanea spagnola e presente al Find 35 con la creazione 'Pieles', una fusione di stili (danza contemporanea, teatro fisico, flamenco) e un viaggio tra le emozioni. La ricerca di sé e del presente, tra le battaglie di un’anima che vive, respira, si arrende e si trasforma.

Il 28 settembre alle 18, al centro Ex Art, Serata Explò (in collaborazione con il Network Anticorpi XL) con gli artisti selezionati per la Vetrina della giovane danza d’autore 2017, la Compagnia Prendashanseaux presenta 'Oxidiana, creazione di Antonio Bissiri nata a Pau, piccolo paese della Sardegna ai piedi del Monte Arci, tra le più significative sorgenti di ossidiana, una sorta di vetro vulcanico del Mediterraneo. Il corpo sperimenta le condizioni all'origine di questa singolare materia, nel tentativo di portarne alla luce la complessità tra valenze geologiche, archeologiche ed energetiche.

Alle 18.15 presso Ex Art, Luca Massidda presenta invece 'Indietro a Sconosciuti'. Una riflessione sull’evoluzione del rapporto tra due persone, dalla scoperta dell’altro all’amore, dalla crisi alla possibile fine di ogni legame nel cerchio inatteso della ‘non conoscenza’. Alle 21 al Teatro Auditorium Comunale va in scena Mandala Dance Company, ensemble romano diretto da Paola Sorressa, con 'Le mille gru'. Il ricordo di Sadako Sasaki, bambina giapponese che nel 1954 si ammalò di leucemia in seguito all’esposizione alle radiazioni della bomba atomica di Hiroshima, un omaggio al suo sogno interrotto nella speranza di una pace possibile.

Mandala Dance Company torna in scena il 29 settembre alle 18, sempre al Teatro Auditorium, con 'Focus', produzione manifesto del lavoro della coreografa Paola Sorressa, frutto di una ricerca sul concetto di 'focus' come matrice del movimento. Sulle note de 'Le quattro stagioni' di Antonio Vivaldi ricomposte da Max Richter, una performance dinamica e poetica per giovani corpi danzanti. Il 29 settembre alle 21 al Teatro Auditorium Comunale arriva il Collectif Art Mouv’/Zone Libre, compagnia di danza contemporanea fondata a Bastia in Corsica, nel 1998, dalla coreografa Hélène Lawson Taddei e dal sound designer Tommy Lawson.

Già specializzata in progetti multidisciplinari (coreografia, videodanza, performance site-specific e progetti di formazione), la compagnia ha ampliato nel 2012 le proprie prospettive performative grazie all’unione con Zone Libre, focalizzato sulla relazione tra musica elettronica, arti visive e teatro contemporaneo. In scena a Cagliari 'The place to be', creazione che ha debuttato lo scorso 19 maggio al Théâtre de Bastia, all’interno del festival Plateforme Danse.

Ospite atteso del Find 35, il Ballet National de Marseille, diretto dal 2014 da Emio Greco e Pieter C. Scholten, presente a Cagliari con una serata in due parti (30 settembre - Teatro Massimo, ore 21,00) comprendente 'Two', duetto sospeso tra il duello e il gioco, un’indagine sul tema del doppio, centrale nella ricerca dei due autori sin dalla metà degli anni Novanta e 'Boléro', creazione sul 'corpo in rivolta' che nel 2002 rivelò in Italia il talento di Emio Greco, già da tempo attivo in Olanda), riscritta nel 2015 per gli interpreti del Ballet de Marseille.

Il 1° ottobre, alle 18.30 in Corso Vittorio Emanuele per Danza Urbana XL, il Collettivo Pirate Jenny, progetto nato nel 2011 che incrocia danza, testo, suono e immagine. In scena a Cagliari, 'Cheerleaders', indagine di Elisa Ferrari, Davide Manico e Sara Catellani sulle dinamiche di una microcomunità che si ritrova a dover condividere un luogo, un tempo, un’azione. Dalle ore 20 al Teatro Auditorium Comunale va in scena la compagnia Asmed performing arts con due creazioni di Matteo Corso (regia di Senio G. B. Dattena).

In programma 'Zato’', ispirata ad un mitico oriente, tra movenze animalesche e percussioni di danzatori in armatura ‘sonora’ (costumi con campanelle da pescatore e oggetti di uso quotidiano, come coperchi e pentolini, inattesa guida sonora della performance), e 'Falls', un’indagine sul disequilibrio e sul rischio, la ricerca del movimento in uno spazio mutevole e ad un passo dal vuoto.

Nella stessa serata, le creazioni in anteprima degli autori selezionati dal Bando Siae Sillumina in collaborazione con Maya Inc. In programma 'Lumen me lumen' di Simona Perrella e '120 grammi' di Sara Pischedda.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI