Home . Intrattenimento . Spettacolo . "Sesso per un lavoro in tv. Fui io la prima a denunciare"

"Sesso per un lavoro in tv. Fui io la prima a denunciare"

SPETTACOLO
Sesso per un lavoro in tv. Fui io la prima a denunciare

Michela Morellato (Foto dal profilo Facebook)

Era il 2005. Dodici anni prima del caso Weinstein e del movimento #MeToo. La vicentina Michela Morellato , allora 18enne, denunciò di aver subito pesanti avances da parte di un popolare giornalista tv che gli aveva proposto, secondo quanto raccontato dalla giovane, un posto nel mondo dello spettacolo in cambio di sesso. "Già allora si sarebbe potuto far scoppiare lo scandalo", sottolinea, in un'intervista a 'Il Giornale di Vicenza', Michela Morellato rivendicando di essere stata la prima ad avere il coraggio di denunciare.

"Avevo 18 anni - racconta - ed ero alla ricerca di un posto nel mondo. Mi disse che ero un volto interessante per la sua trasmissione. In macchina respinsi le sue pesanti avance mettendomi a urlare. Lui si scusò, aveva 34 anni più di me, e avrei potuto perdonarlo", dice oggi a distanza di anni. Poi però "mi disse che era un pezzo grosso, che creava e distruggeva le ragazzine come me se non erano carine con lui. Non sopportai quelle parole - spiega al quotidiano - e la mia sete di giustizia mi spinse a denunciarlo".

A far venire alla ribalta il caso di Michela Morellato fu il programma le 'Iene'. Il giornalista tv fu denunciato per molestie sessuali, poi la sua posizione fu archiviata e "Michela - riferisce 'Il Giornale di Vicenza' - fu risarcita". "Quello che mi indigna - lamenta Morellato - è che le benpensanti di oggi all’epoca non mi diedero un briciolo di solidarietà". E denuncia: "Venni boicottata". "Le televisioni nazionali mi misero nella lista delle persone scomode", racconta Morellato, che conclude: "Ci vuole coraggio ad andare controcorrente. Può costare caro. Non fai carriera".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI