Home . Soldi . Economia . Gavetta o schiscetta, 4 italiani su 10 si portano in ufficio il pranzo da casa

Gavetta o schiscetta, 4 italiani su 10 si portano in ufficio il pranzo da casa

ECONOMIA
Gavetta o schiscetta, 4 italiani su 10 si portano in ufficio il pranzo da casa

FOTO SIMBOLICA SUL TEMA, PRANZARE IN UFFICIO DURANTE IL LAVORO ALLA SCRIVANIA. CONTENITORE CON PASTA AL POMODORO DAVANTI ALLA TASTIERA DI UN COMPUTER (ALBERTO CATTANEO, MILANO - 2013-11-25) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Una piccola borsa termica o una gavetta, per portare in ufficio il pranzo da casa, almeno qualche volta. La tendenza riguarda il 40% dei connazionali secondo quanto rileva la prima indagine sui 'Cambiamenti delle abitudini alimentari degli italiani' presentata dal presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e dal presidente di Ixè Roberto Weber all’apertura del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio.

A condizionare i cambiamenti nel pranzo sono i ritmi di lavoro con pause troppo brevi per consentire il rientro a casa che spesso si trova anche lontano dall’ufficio o dall’azienda. L’11% degli italiani porta il pranzo da casa sul luogo di lavoro regolarmente, il 12% lo fa spesso e il 17% almeno qualche volta secondo Coldiretti/Ixè. Si porta dunque la 'gavetta' o la 'schiscetta' al lavoro per risparmiare, ma anche per essere sicuri della qualità del pranzo o semplicemente perché si preferisce ricordare sapori e profumi casalinghi.

Ma accanto a questa nuova abitudine alimentare se ne afferma anche un’altra legata alla convivialità, il rito dell’apericena, che coinvolge quasi sei italiani su 10 (59%). Nata dal mixage tra il rito dell’aperitivo e un pasto propriamente detto, di solito la cena – spiega la Coldiretti -, la cosiddetta apericena si è affermata in pochissimo tempo come un momento di aggregazione con connotati innovativi che riguardano soprattutto i giovani e contrassegna spesso i weekend.

A fare da apripista - precisa Coldiretti - sono stati alcuni contesti del Nord dove l’aperitivo è un antico rito sociale ma la nuova formula si è andata diffondendo un po’ ovunque nel territorio nazionale, dallo Spritz del Veneto fino al centro di Milano o nella stessa Capitale l’aperitivo e diventato un momento in cui conversare, mangiare e bere qualche cosa e rallentare in modo anche netto rispetto alla concitazione della quotidianità.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI