Home . Soldi . Economia . Lavoro, blitz notturno al ministero: oggi studenti in piazza

Lavoro, blitz notturno al ministero: oggi studenti in piazza

ECONOMIA
Lavoro, blitz notturno al ministero: oggi studenti in piazza

(Fotogramma)

Blitz nella notte al ministero del Lavoro di Udu e Rete degli Studenti Medi, "per ribadire la necessità di invertire la rotta sulle politiche di accesso al mondo del lavoro, per rilanciare sfida per un nuovo statuto dei diritti dei lavoratori", in vista della manifestazione della Cgil di questo pomeriggio in Piazza San Giovanni Bosco a Roma per chiedere l’approvazione della Carta dei Diritti Universali del Lavoro.

“Questa notte al ministero del Lavoro abbiamo voluto riportare l’attenzione sui dati impietosi con cui quotidianamente deve fare i conti la nostra generazione - ha detto Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale dell’Unione degli Universitari - L’istruzione di noi giovani è sempre meno una priorità del nostro Paese e dei governi, mentre continua a crescere il numero di studenti che sono costretti a lavorare per potersi mantenere agli studi. A questo però non fa seguito una crescita delle possibilità di inserimento nel mondo del lavoro: oggi solo il 53% dei laureati ha trovato un impiego a 3 anni dalla laurea. Siamo stufi di tutto questo, siamo stufi di una prospettiva di vita eternamente precaria”.

“Vogliamo un approccio al mondo del lavoro positivo e formativo - ha aggiunto Giammarco Manfreda, coordinatore della Rete degli Studenti Medi - Non sono accettabili percorsi di alternanza scuola-lavoro non troppo distanti dallo sfruttamento, come ce ne sono stati segnalati. Vogliamo essere protagonisti del nostro futuro, attraverso percorsi realmente formativi e tutelati!”

Concludono Manfreda e Marchetti: "Stanotte siamo stati al ministero del Lavoro, oggi pomeriggio saremo in piazza al fianco della Cgil per far sentire la voce di una generazione umiliata da anni di politiche inesistenti per noi giovani che non hanno fatto altro che continuare a far salire i tassi di disoccupazione. Saremo in piazza perché vogliamo essere liberi di scegliere cosa studiare, con la certezza che qualsiasi percorso compiremo, i nostri studi troveranno una giusta valorizzazione. Istruzione e cultura devono tornare ad essere valori centrali, priorità di investimento per il futuro del Paese. Saremo in piazza perché vogliamo riprenderci il nostro diritto al futuro. Scateniamoci, per essere liberi dalla precarietà. Semplicemente vogliamo diritti!”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI