Home . Soldi . Economia . Pil, Istat: "Crescita Italia si rafforza"

Pil, Istat: "Crescita Italia si rafforza"

ECONOMIA
Pil, Istat: Crescita Italia si rafforza

(Fotogramma)

"Nel primo semestre la crescita dell'economia italiana si è rafforzata". Così il presidente Istat Giorgio Alleva in audizione sulla Nota al Def in davanti le commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato a Palazzo Madama, commentando i dati di stamane diffusi dall'istituto. "In Italia le aspettative di crescita per i prossimi mesi appaiono favorevoli", ha aggiunto.

L'Istat ha rivisto le stime del Pil per il secondo trimestre dell'anno rispetto ai tre mesi precedenti. Secondo quanto si legge nella nota diffusa oggi, il dato è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. La stima dei Conti economici trimestrali diffusa lo scorso primo settembre, invece, aveva rilevato una variazione congiunturale pari a +0,4%. Confermato, invece, il dato tendenziale di +1,5%. La variazione acquisita per il 2017 è pari a +1,2%.

Nell'audizione l'Istat ha ricordato che "a settembre l’indice del clima di fiducia dei consumatori ha registrato un incremento significativo, trainato dalla componente macro-economica dell'indice (giudizi e aspettative sulla situazione economica italiana e aspettative sulla disoccupazione), mentre più contenuti sono stati i miglioramenti registrati nei giudizi sulla situazione corrente e futura". Anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese ha evidenziato un aumento, confermando il trend positivo dei mesi precedenti: il miglioramento ha interessato tutti i settori ad eccezione dei servizi.

I segnali di miglioramento dell’economia italiana sono confermati anche dall’indicatore anticipatore che mantiene a settembre un’intonazione positiva, più accentuata di quella dei mesi precedenti, confermando il rafforzamento delle prospettive di crescita a breve. In particolare, la domanda di investimenti in macchine e attrezzature è attesa crescere a un ritmo superiore a quello osservato nel secondo trimestre dell’anno.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI