Home . Soldi . Economia . Così cambia l'Agenzia delle Entrate

Così cambia l'Agenzia delle Entrate

ECONOMIA
Così cambia l'Agenzia delle Entrate

(Fotogramma)

Al via il nuovo impianto organizzativo dell’Agenzia delle Entrate basato su una visione innovativa dei servizi e dell’adempimento spontaneo, valorizzando il confronto preventivo tra fisco e contribuenti e realizzando una reale semplificazione degli adempimenti. Lo rende noto l'Agenzia delle Entrate.

Il nuovo assetto organizzativo è stato delineato con la delibera del Comitato di gestione dell’Agenzia n. 29 del 31 luglio 2017 e con la delibera n. 37 del 30 ottobre 2017, entrambe approvate dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan. La riforma organizzativa prevede che le attività vengano ripartite tra due Divisioni: la Divisione Servizi che realizza, a livello centrale, la definitiva e compiuta integrazione di tutti i servizi fiscali, compresi quelli attinenti alla fiscalità immobiliare e la Divisione Contribuenti, che, superando il tradizionale approccio funzionale in ragione della tipologia di processo, adotta un approccio per tipo di soggetto destinato a favorire una migliore conoscenza della platea di riferimento e dunque un’azione più mirata di controllo.

Da ciascuna Divisione, alle quali sono preposti i due vicedirettori dell’Agenzia, dipendono tre Direzioni Centrali; altre sette Direzioni Centrali (tra cui la nuova Direzione Centrale Affari Legali) curano funzioni trasversali e di supporto.

L’avvio del riassetto presuppone l’individuazione dei dirigenti da porre a capo delle nuove strutture. In particolare, il Comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha deliberato oggi le nomine dei Capi Divisione e di Direttore Centrale Affari Legali, posizioni per le quali il 27 dicembre 2017 è stato emanato un avviso di disponibilità, aperto anche all’esterno ai sensi dell’articolo 19, comma 6, del decreto legislativo n. 165/2001. Di seguito le nomine deliberate:

Il Capo Divisione Contribuenti sarà Paolo Valerio Barbantini che ha già operato come dirigente in Agenzia delle Entrate, dove ha svolto l’incarico di Capo settore Grandi contribuenti presso la Direzione Centrale Accertamento. Il Capo Divisione Servizi sarà Paolo Savini che dal 2001 è in Agenzia come dirigente esterno. Dal 2011 ha assunto la guida della Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e successivamente della Direzione Centrale Gestione tributi, dove, tra l’altro, ha coordinato le attività finalizzate all’evoluzione dei servizi telematici (versamenti unificati, dichiarazione precompilata, canone tv). Coordina inoltre le attività di gestione dei tributi (predisposizione della modulistica dichiarativa, controllo automatizzato delle dichiarazioni, rimborsi fiscali) e quelli di assistenza ai contribuenti.

La Direzione Centrale Affari Legali sarà affidata a Laura Salvati. Dal 2009 in Equitalia, dapprima come responsabile del Legale Corporate, successivamente dell’unità Acquisti e poi della funzione Appalti e Contratti. Attualmente responsabile della Direzione Affari presso Agenzia Entrate-Riscossione, dove coordina i settori gare e contratti, nonché legale e contenzioso.

Oggi il Comitato ha approvato anche il rinnovo dell’assunzione di altri due dirigenti di vertice a tempo determinato: Gianni Guerrieri è stato confermato come Direttore Centrale Osservatorio del Mercato Immobiliare e Servizi estimativi, mentre ad Emiliana Bandettini - già Direttore aggiunto Accertamento - è stato attribuito un incarico di supporto del processo di transizione al nuovo modello organizzativo.

Il Comitato ha infine deliberato l’attribuzione di due incarichi di vertice a dirigenti interni: in forza delle loro significative esperienze pregresse, Federico Monaco già Direttore regionale dell’Umbria e dell’Abruzzo diventa il responsabile della Direzione Centrale Servizi Fiscali, collocata nella Divisione Servizi, mentre Giovanni Spalletta, attuale Direttore aggiunto Normativa, assume la Direzione Centrale Grandi contribuenti nell’ambito della Direzione Contribuenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.