Home . Sostenibilita . Arriva Cosmo Bike Mobility, primo salone italiano della ciclabilità urbana

Arriva Cosmo Bike Mobility, primo salone italiano della ciclabilità urbana

E' il primo nel suo genere - A Verona dall'11 al 14/9

SOSTENIBILITA
Arriva Cosmo Bike Mobility, primo salone italiano della ciclabilità urbana

Un moderno ciclista urbano

In principio fu la Critical Mass di San Francisco, la riappropriazione spontanea delle strada da parte dei ciclisti; in seguito venne il movimento #salvaiciclisti, per città bike friendly: adesso arriva il CosmoBike Mobility, un vero e proprio salone del ciclismo urbano, dove esperti e amministratori, ma anche attivisti della bicicletta, possono scambiarsi tecniche e informazioni sulle diverse pratiche nel mondo.

"E' un'esigenza ormai sentita in tutta Italia, e ne ho avuto prova diretta durante la mia esperienza di attivista -dice Paolo Pinzuti, tra i principali promotori di #salvaiciclisti e uno degli ideatori del salone-. Mettendomi nei panni di un amministratore locale che volesse 'fare qualcosa' per la mobilità ciclistica, ho scoperto che in Italia è tutto lasciato all'improvvisazione, mentre nei paesi più avanzati c'è già una scienza della ciclabilità. Allora, insieme ad altri due amici, ho deciso di portarla nel nostro paese".

Durante il Salone, inserito nel nuovo Cosmo Bike Show di Verona, "i costruttori di ciclabilità urbana potranno confrontarsi -si spiega sul sito specializzato Bikeitalia, partner dell'iniziativa- con le migliori pratiche a livello mondiale sulla progettazione, realizzazione e comunicazione di nuove città a misura di ciclista. Allo spazio espositivo, dove le aziende potranno presentare le proprie proposte di soluzioni infrastrutturali per città a misura di pedale, saranno affiancati dei workshop di formazione e di confronto rivolti ai professionisti del settore, alle strutture tecniche comunali, ai decision maker e ai cicloattivisti".

Insieme a Pinzuti, gli autori del Salone sono Matteo Dondé, "guru" italiano della progettazione e autore del finora migliore piano ciclabilità realizzato in Italia, quello di Reggio Emilia; e Paolo Coin, ex amministratore delegato della fiera della bici di Padova, che ha creato CosmoBike portando la fiera a Verona.

"Il mondo del ciclismo urbano -dice Coin- si compone di migliaia di operatori che offrono prodotti e servizi innovativi ma che, in mancanza di spazi dedicati, non riescono a farsi conoscere da chi realmente decide che forma avranno le nostre città. CosmoBike Mobility si pone l’obiettivo di far incontrare domanda e offerta e di creare un appuntamento stabile e continuativo per questo mondo che è di fondamentale importanza per le città del terzo millennio”.

Il programma dei workshop, in fase di definizione, sarà reso noto nel corso delle prossime settimane, insieme a tante altre novità riguardanti la formula di CosmoBike Show. Ampio spazio sarà dedicato alle associazioni e ai cicloattivisti che avranno l’opportunità di presentare le azioni di maggiore impatto svolte nel corso del tempo e fare rete per rafforzare le proprie azioni di advocacy.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI