Home . Sostenibilita . Appuntamenti . 'Biciclette Ritrovate', a Milano le due ruote che hanno fatto la storia

'Biciclette Ritrovate', a Milano le due ruote che hanno fatto la storia

APPUNTAMENTI
'Biciclette Ritrovate', a Milano le due ruote che hanno fatto la storia

La bicicletta di Gino Bartali al Giro d'Italia del 1946

Le biciclette più belle e importanti della storia, riunite da diverse collezioni, esposte per due giorni (il 5 e il 6 aprile) nei cortili di Rossignoli in corso Garibaldi a Milano. Ritorna Biciclette Ritrovate, l’appuntamento del Fuorisalone che da 11 edizioni racconta la precisione della meccanica, la creatività del design, la storia e il futuro delle due ruote.

A Biciclette Ritrovate si potranno ammirare da vicino le biciclette più belle del mondo, dai grandi bicicli dell’Ottocento alle bici dei lavori (il pompiere, l’arrotino, il lattaio), fino alle bici da corsa di Marco Pantani, Fausto Coppi, Gino Bartali, Eddy Merckx, Alfredo Binda. Ma ancora: un’auto ammiraglia, tandem lunghissimi, bici giganti, pieghevoli che ci stanno in una valigetta, bici cargo, eleganti bici da pista a scatto fisso, bici con una, due o tre ruote, di legno e di ghisa, titanio e acciaio. E oltre alle bici ci sono foto, musica, quadri, filmati, cimeli e giochi.

L'ingresso alla mostra è gratuito e in programma ci saranno anche alcuni appuntamenti.

Le 100 edizioni del Giro d’Italia e dei 90 anni dei Mondiali di ciclismo saranno celebrate attraverso l'esposizione di quattro bici legate a imprese memorabili: quella di Alfredo Binda, primo campione del mondo della storia nel 1927 a Adenau, in Germania; la Legnano di Bartali che vinse il Giro del 1946, detto il “Giro della rinascita” perché contribuì a unire l’Italia dopo la guerra e inaugurò la grande rivalità con Fausto Coppi; la bici con cui Coppi compì l’impresa nella tappa Cuneo-Pinerolo al Giro del 1949, una fuga solitaria e vincente di 192 km, da molti ricordata come l’impresa più grande nella storia del ciclismo; e la bici di Marco Pantani con cui vinse la doppietta Giro e Tour nel 1998.

E ancora, una vetrina dedicata all’artista israeliano Eilon Armon e alla sua opera "Rocking chair", accanto alle novità di selle, borse e accessori; i festeggiamenti dei 70 anni del gruppo Manifattura Valcismon con una mostra e la presentazione del libro “La stoffa dei campioni”, di Marco Pastonesi, Claudio Gregori e Attilio Scarpellini; un percorso fotografico con cui, in 10 scatti, lo storico marchio di copertoni Vittoria racconta il servizio corse, che segue gli atleti professionisti dal deserto di Dubai alle tappe di montagna sotto la neve. La società sportiva milanese Genova 1913 raccoglierà fondi per la Squadra corse di Tolentino, colpita duramente dal terremoto dei mesi scorsi.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI