Home . Sostenibilita . Best Practices . Da Frida Kahlo a David Bowie, opere d'arte dai rifiuti/ Foto

Da Frida Kahlo a David Bowie, opere d'arte dai rifiuti

BEST PRACTICES
Da Frida Kahlo a David Bowie, opere d'arte dai rifiuti/ Foto

Stoffe, tendaggi, e scarti di pelle e plastica. E ancora: cavi elettrici, bottoni e lampadine. Sono solo alcuni dei rifiuti che hanno dati vita ai ritratti di alcuni personaggi famosi. Succede a Ecomondo, la fiera della green economy in scena a Rimini, dove il Gruppo Hera ospita una mostra degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Firenze: 10 ritratti assemblati con scarti industriali.

L'iniziativa è frutto della collaborazione della società toscana Waste Recycling, acquisita da Herambiente a fine 2015 e attiva nello smaltimento di rifiuti industriali. Tra ritratti 'rigenerati' anche Santa Madre Teresa di Calcutta realizzata da Gregorio Maria Mattei con stoffe e tendaggi, giocattoli, cavi elettrici, guanti monouso e materiale da imballaggio.

Ma c'è anche: Federico Fellini, di Ignazio Giordano, che ha preso forma da scarti di pelle e plastica, cartavetrata, fil di ferro e perline di madreperla; Marylin Monroe che Antonella Prasse ha ritratto con perline, pietre e bottoni vari; e ancora il Luciano Pavarotti di Arianna Tosi, Lucio Dalla di Federico Niccolai, Muhammad Ali di Stefania Venuti, Nelson Mandela di Valentina Perini, Amy Winehouse di Beatrice Beneforti, David Bowie di Giulia Gigli e Frida Kahlo di Olimpia Bogazzi.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI