Home . Sostenibilita . Best Practices . Natale sostenibile a Roma e Milano: alberi certificati Pefc a San Pietro e Piazza Duomo

Natale sostenibile a Roma e Milano: alberi certificati Pefc a San Pietro e Piazza Duomo

Anche altre piazze italiane come Trento, Cervia e i comuni del grossetano hanno scelto abeti da foreste e boschi certificati

BEST PRACTICES
Natale sostenibile a Roma e Milano: alberi certificati Pefc a San Pietro e Piazza Duomo

Piazza San Pietro a Roma e Piazza del Duomo a Milano, tra i luoghi più simbolici d’Italia, festeggeranno il Natale in maniera sostenibile e certificata: hanno infatti scelto alberi di Natale provenienti da boschi e foreste certificati Pefc, lo schema più̀ diffuso in Italia e nel mondo per la certificazione della gestione forestale sostenibile.

L'albero di Natale che è stato donato al Vaticano dall’arcidiocesi polacca di Elk proviene dalla Polonia: un abete rosso di 28 metri di altezza, certificato per la gestione sostenibile della foresta d’origine. L’abete rosso, collocato al centro della Piazza del Bernini accanto all’obelisco, rimarrà acceso fino a domenica 7 gennaio 2018 ed è stato decorato dai bambini che hanno partecipato al programma di ceramico-terapia gestito dalla Fondazione Contessa Lene Thun Onlus all’interno di reparti oncologici.

Una tradizione, quella di offrire l’abete natalizio al Vaticano, iniziata nel 1982 con Papa Giovanni Paolo II che, per la prima volta, lo ebbe in dono da un contadino che trasportò fino a Roma sul suo camion un abete proveniente dalle foreste della Polonia.

Dal Trentino, dal bosco certificato Pefc Italia di Dimaro-Folgarida, è giunto invece l’albero di Natale per Piazza Duomo di Milano, che sarà illuminato fino al 7 gennaio da 100mila luci a led e decorato con oltre 700 palline natalizie. Individuato con la collaborazione del Corpo Forestale regionale del Trentino, l’abete è stato donato da Sky: con i suoi 30 metri si attesta come l’albero più alto mai esposto in piazza Duomo a Milano.

Firmato Pefc anche il Natale di Piazza Duomo a Trento: l’albero proviene dai boschi certificati di Candriai, sul monte Bondone. Alto 18 metri per 35 quintali di peso, l’abete è stato posizionato grazie alla collaborazione dei tecnici dell’Azienda Forestale di Trento e Sopramonte coordinati dal capoufficio del Servizio attività edilizia del Comune di Trento Dino Franzoi.

Accanto all’albero ha preso posto il presepio di Tesero, realizzato anch’esso con legno certificato Pefc, sempre proveniente dai boschi trentini: la struttura è stata realizzata grazie all’esperienza dell’Associazione Amici del Presepio di Tesero, che nel 2015 allestì con legno Pefcanche il presepe di Piazza San Pietro a Roma.

In Toscana, dal Consorzio Forestale dell’Amiata, certificato Pefc Italia, provengono i numerosi abeti bianchi, alti dai 3 ai 5 metri, che sono stati posizionati nelle piazze comunali e nelle scuola dei comuni del grossetano Arcidosso, Castel del Piano, Seggiano, Santa Fiora, Cinigiano e Castell'Azzara. A Cervia è stato innalzato in Piazza Garibaldi, al centro della pista di ghiaccio, un abete rosso di 18 metri, donato alla città dal Comune di Pinzolo-Madonna di Campiglio, provincia di Trento: anche i boschi del Comune di Pinzolo sono certificati Pefc per la loro gestione sostenibile.

Anche all’estero, Trafalgar Square a Londra e la Grand Place di Bruxelles, patrimonio Unesco, ospitano abeti rossi certificati Pefc. “Scegliere alberi certificati per festeggiare il Natale significa mandare un messaggio importante in favore del corretto utilizzo del patrimonio boschivo mondiale e sensibilizzare un pubblico sempre più ampio. Lo schema di certificazione garantisce infatti trasparenza per la tracciabilità e rispetto dei territorio: siamo quindi fieri di aver contribuito ad abbellire in modo sostenibile così tante piazze italiane”, afferma Antonio Brunori, segretario generale del Pefc Italia.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI