Sostenibilita . CSR . Con Carmina Campus il made in Italy della moda sostenibile in Giappone
:) 33 % :| 33 % :( 33 %
Grazie! Hai espresso la tua preferenza.
Per esprimere la tua preferenza è necessario effettuare il login.
Non sei ancora registrato?
REGISTRATI ADESSO

Con Carmina Campus il made in Italy della moda sostenibile in Giappone



<p>
<?EM-dummyText Didascalia>

</p>

Una selezione di borse Carmina Campus della linea 100% made in Africa e una che utilizza materiali di riciclo. Con queste due proposte, all'insegna della moda sostenibile, Ilaria Venturini Fendi porta in Giappone Carmina Campus, il brand fondato nel 2006 che coniuga lusso, attenzione all'ambiente e all'aspetto sociale.

Due gli appuntamenti in programma: il primo domani, sabato 15 marzo, in occasione del secondo anniversario di Dover Street Market Tokyo con una selezione di borse Carmina Campus della linea 100% made in Africa; il secondo domenica 16 marzo sempre a Tokyo, con una collezione a tiratura limitata di 200 pezzi, realizzata in Italia da Carmina Campus per i grandi magazzini Takashimaya. Per questa collezione sono stati usati le sciarpe scartate, perché con piccole imperfezioni, del brand francese Epice, e un materiale fatto in Mali con cotone organico misto a sottili strisce di plastica riciclata.

Così, la collaborazione tra Carmina Campus e Takashimaya continua e si arricchisce di un nuovo progetto e diventa l'occasione, per Ilaria Venturini Fendi, per raccontare il percorso di Carmina Campus e la peculiarità di questa collezione, una capsula di borse in cui il design europeo si fonde con l'artigianalità africana, per un prodotto destinato ad un pubblico dal gusto molto contemporaneo come quello giapponese.

Un esempio di globalizzazione al positivo che rientra nella filosofia di Carmina Campus, che abbina il riuso di materiali a lavorazioni artigianali alte, a iniziative di promozione sociale e alla creazione di collaborazioni e progetti in rete. Coerentemente a tale logica per questa collezione è stato coinvolto il marchio francese Epice, da tempo presente nei magazzini Takashimaya con le sue sciarpe di seta, cotone e lino dalle fantasie grafiche e ricche di colore.

Epice ha messo a disposizione, attraverso Takashimaya, alcuni tessuti che per piccole imperfezioni non sono stati utilizzati in produzione. Carmina Campus li ha abbinati a un particolare materiale fatto in Africa in cui il cotone organico è unito a sottili strisce di plastica riciclata da sacchetti e buste per i rifiuti. Questo tessuto leggero ma consistente, con una mano molto particolare che lo rende prezioso, è frutto della creatività di un'impresa artigiana del Mali che recupera la plastica dei sacchetti, la pulisce, la taglia in strisce da avvolgere su spolette in modo da permetterne la tessitura su telai a mano insieme al cotone organico di diverse colorazioni.

La qualità estetica di questo materiale è un valore che si aggiunge al fatto di essere sostenibile e frutto dell'imprenditorialità africana. Per questa collezione è stato utilizzato tessuto nero, in cui la plastica è mescolata al cotone organico tinto con colori vegetali, tessuto bianco e una versione rigata bianca e nera.

I modelli scelti sono due: la Karla bag, una sporta a fondo quadrato con doppi manici e fodera a sacchetto chiusa da coulisse, in due misure, e la Tetris, una comoda shopping quadrata. Strisce di tessuto con ruches create con i coloratissimi tessuti di Epice decorano i due modelli, foderati con gli stessi tessuti coordinati e stampati in colori dal giallo all'arancio, dal verde al viola, in un mix di motivi e fantasie. Le combinazioni non sono mai identiche, ogni pezzo può considerarsi quindi unico.

La pelle delle rifiniture e dei rinforzi dei manici come sempre viene dai campionari che Carmina Campus recupera dai produttori di pelletteria. La realizzazione di questa capsula di borse è il risultato di un lavoro di collaborazione in cui più aziende, a diverso titolo, in sedi e modalità diverse, mettono a disposizione il proprio contributo creativo.

Materiali riusabili provenienti da varie aree geografiche, design innovativo, promozione e diffusione mirata rendono possibile proporre un prodotto molto curato esteticamente, ma anche ricco di valori aggiunti che lo rendono attuale e in linea con la filosofia di Carmina Campus.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI