Home . Sostenibilita . CSR . Ocean Cay, ai Caraibi il sito industriale che diverrà riserva marina

Ocean Cay, ai Caraibi il sito industriale che diverrà riserva marina

Parte l’opera di riqualificazione dell’isola Ocean Cay. Sarà pronta nel 2018

CSR
Ocean Cay, ai Caraibi il sito industriale che diverrà riserva marina

Trasformare un sito industriale in una fiorente riserva marina: si chiama Ocean Cay Msc Marine Reserve ed è un progetto di Msc Crociere. La compagnia rende noto che nei prossimi giorni avrà ufficialmente inizio l’opera di riqualificazione.

Lavorando in stretta collaborazione con il governo delle Bahamas e con un team di ecologisti, Msc Crociere si propone l’obiettivo di trasformare un sito industriale che ospitava una cava per l’estrazione della sabbia in una fiorente riserva marina che coesista con l’ecosistema locale. Con un ingente programma di riassetto naturalistico verranno piantate in tutta l’isola oltre 80 specie di piante indigene, tra cui il corniolo giamaicano, le mangrovie rosse, nere e bianche e le convolvulacee. Il villaggio sarà costruito per essere architettonicamente fedele alla tradizione bahamiana, mentre i bar e ristoranti offriranno anche le specialità locali.

L'isola si estende su una superficie di 38,5 ettari, con 3,5 km di costa incontaminata e sei spiagge distinte che insieme formano la quarta spiaggia più lunga al mondo. Annunciato nei mesi scorsi, il progetto si è ulteriormente arricchito e vedrà la sua conclusione, e dunque l’apertura al pubblico, non più a dicembre 2017 ma circa un anno dopo. Gli scali di Msc Seaside e di Msc Divina, inizialmente previsti per dicembre 2017, saranno quindi sostituiti con Nassau.

"Quando abbiamo finalizzato il piano per questa destinazione, unica nel suo genere - spiega Pierfrancesco Vago, Executive Chairman Msc Cruises - abbiamo realizzato che per assicurare il livello di qualità e attenzione al dettaglio che i nostri ospiti si aspettano da Msc Crociere, tanto nelle infrastrutture quanto nei servizi, era necessario dedicare ai lavori dell’isola un periodo più lungo rispetto a quanto inizialmente previsto. Al tempo stesso, sono lieto di ribadire che i lavori di posa della prima pietra prenderanno avvio al più presto, come originariamente pianificato".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI