Home . Sostenibilita . In Privato . In arrivo 4 impianti di biogas, produrranno biometano da scarti agricoli

In arrivo 4 impianti di biogas, produrranno biometano da scarti agricoli

Saranno i primi in Italia, sorgeranno in Veneto, Lombardia e nel Sud del Paese

IN PRIVATO
In arrivo 4 impianti di biogas, produrranno biometano da scarti agricoli

Siglato un accordo quadro per la costruzione dei primi quattro impianti di biometano alimentati esclusivamente con reflui zootecnici, scarti e sottoprodotti di origine agricola in Italia. L’accordo è stato siglato da Bts Biogas e Biogas Refinery Development (Brd). Gli impianti sorgeranno in Veneto, Lombardia e nel Sud del Paese e rappresentano il punto di partenza del biometano agricolo in Italia con uno stanziamento definito da Decreto Ministeriale di circa un miliardo di euro.

“Finalmente, dopo anni di attesa dovuta alle lungaggini del processo legislativo, il mercato del biogas in Italia sta ripartendo anche sul fronte agricolo", dichiara Michael Niederbacher, Ceo di Bts Biogas che ha già realizzato impianti biogas/biometano nel Regno Unito. Gli impianti saranno alimentati con matrici esclusivamente agricole: liquame e letame, triticale, pastazzo di agrumi, e molte altre.

“La nostra azienda utilizza da cinque anni una flotta di veicoli alimentati a metano e tra poco biometano: siamo certi, e con noi le grandi aziende Automotive come Fca Fiat in prima linea e Volkswagen/Audi, che il futuro dell’autotrazione e dei combustibili rinnovabili sia il biometano agricolo e industriale", sottolinea Niederbacher.

Un’autovettura alimentata a biometano agricolo emette meno di 5 gr di Co2 al chilometro rispetto ad altre tecnologie che emettono oltre 130 gr al chilometro. Alimentando un impianto esclusivamente con reflui zootecnici o con la frazione organica del residuo solido urbano (umido) le emissioni potrebbero essere negative poiché un impianto di biometano elimina le fuoriuscite di gas ad effetto serra dalle discariche o durante lo spandimento dei reflui sui campi agricoli.

Le emissioni di Co e Nox si riducono di oltre il 95% rispetto ad una macchina alimentata a Diesel. "I quattro impianti che stiamo per realizzare produrranno in Italia 8 milioni di Kg di biometano all’anno, che equivalgono a circa 160 milioni di chilometri percorribili da auto a biometano il che corrisponde all’alimentazione di 10.000 macchine all’anno e 12.000 tonnellate di Co2 evitata per salvaguardare il nostro bellissimo pianeta”, conclude Michael Niederbacher.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI