Home . Sostenibilita . In Pubblico . Via libera alla 'New Urban Agenda' per città verdi, pulite e inclusive

Via libera alla 'New Urban Agenda' per città verdi, pulite e inclusive

Il documento è stato approvato alla Conferenza Onu Habitat III

IN PUBBLICO
Via libera alla 'New Urban Agenda' per città verdi, pulite e inclusive

(Fotolia)

Un documento che fissa standard globali per 'città verdi, pulite e inclusive'. E' la 'Nuova Agenda Urbana', adottata nel corso di Habitat III, la Conferenza delle Nazioni Unite sull'edilizia e lo sviluppo urbano sostenibile che si è svolta dal 17 al 20 ottobre nella capitale dell'Ecuador, Quito.

Il testo, non vincolante, è stato approvato giovedì e agirà come guida di riferimento per progettisti e decisori in tema di sviluppo urbano nei prossimi decenni. "Con l'agenda per lo sviluppo delle città, la comunità internazionale si sta impegnando per il loro rafforzamento", ha detto il ministro tedesco per le Infrastrutture Barbara Hendricks, sottolineando come le città possano ora combattere meglio la povertà e rafforzarsi contro il cambiamento climatico.

Tuttavia, l’esperta di clima e sviluppo urbano Lisa Junghans, dall'ong Germanwatch, ha criticato alcune parti della nuova agenda per la loro mancanza di dettagli concreti. "Obiettivi misurabili così come criteri, che l'agenda potrebbe fissare, sono completamente assenti", ha detto Junghans sottolineando che resta da vedere come il documento aiuterà esattamente le città ad aumentare la sostenibilità e la qualità della vita. Alcuni partecipanti alla Conferenza si sono detti critici anche per l’assenza di proposte per la soluzione dei problemi sociali.

"Trasformare il nostro mondo per il meglio vuol dire trasformare le nostre città", aveva dichiarato il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon lunedì alla conferenza di apertura. Oggi - ha ricordato Ban - più della metà della popolazione mondiale vive nelle città, dove circa un quarto dei residenti alloggia in baraccopoli o in insediamenti non ufficiali, spesso in condizioni precarie.

Alla conferenza hanno preso parte 36mila persone da 167 Paesi. Si è trattato del terzo incontro denominato Habitat, i primi due si sono svolti nel 1976 e nel 1996. La Nuova Agenda Urbana è stata concordata il 10 settembre 2016, dopo due anni di negoziati e dibattiti a livello mondiale. Il testo è composto da 175 paragrafi contenenti linee guida per gli Stati membri e gli stakeholder su temi che poggiano su tre principi: non lasciare indietro nessuno, economia urbana sostenibile e inclusiva e sostenibilità ambientale.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI