Home . Sostenibilita . In Pubblico . Comuni costieri genovesi insieme per il 'Santuario Pelagos'

Comuni costieri genovesi insieme per il 'Santuario Pelagos'

Sono 16 quelli che hanno aderito alla Carta di Partenariato

IN PUBBLICO
Comuni costieri genovesi insieme per il 'Santuario Pelagos'

Dopo l’adesione nei mesi scorsi di sei comuni (Bogliasco, Chiavari, Camogli, Portofino, Rapallo e Santa Margherita Ligure), oggi anche i sindaci degli altri 10 comuni costieri della Città metropolitana di Genova (Genova, Arenzano Cogoleto, Lavagna, Moneglia, Pieve Ligure, Recco, Sestri Levante, Sori e Zoagli) hanno firmato l’adesione alla Carta di Partenariato ‘Pelagos’ fra Italia, Francia e Principato di Monaco.

La Carta impegna le amministrazioni comunali a garantire nella loro area di competenza le particolari misure di protezione dei mammiferi marini (cetacei, balene, delfini) nel cosiddetto "Santuario dei mammiferi marini", area di 87.500 kmq del Tirreno settentrionale fra Costa Azzurra, Liguria, Toscana, Corsica e Sardegna. Con l’ingresso dei 10 comuni celebrato oggi, aderiscono alla Carta tutti i 16 comuni costieri della Città metropolitana di Genova, da Cogoleto a Moneglia passando per il capoluogo.

“La scelta compiuta da tutte le amministrazioni comunali del nostro litorale dimostra una sensibilità ambientale che dovrà ora tradursi in adeguati comportamenti per contribuire, pur nei limiti delle competenze locali, alla salvaguardia di un patrimonio naturale che rappresenta motivo di qualità dei nostri territori e del Mediterraneo intero", dichiara il sindaco di Genova Marco Doria.

"L’accordo lega l’Italia alla Francia e al Principato di Monaco ponendo in evidenza l’unità indissolubile del nostro mare. Il Santuario - continua Doria - oltrepassando i confini degli Stati, assume un valore che a mio avviso è emblematico anche per altri aspetti della vita sociale, economica e politica dell’Europa. Siamo impegnati a promuovere iniziative di informazione e di formazione sul Santuario Pelagos e a divulgarne la conoscenza nel mondo. La protezione della natura e la valorizzazione delle sue bellezze, quando è sorretta da un’autentica sensibilità ambientale, non sono in contraddizione”.

Il Santuario Pelagos è stato istituito per proteggere i mammiferi marini dalle minacce generate dalle attività umane e nasce dall'accordo tra tre Paesi: Francia, Italia e Principato di Monaco. Ciascun Paese opera in funzione dei propri mezzi, mentre il Segretariato Permanente con sede a Monaco, coordina l'insieme delle azioni. Il Santuario definisce uno spazio di tutela marittima che travalica i territori nazionali (12 miglia dalla costa).

Comprende quindi territori d'alto mare, la cui regolamentazione è definita dalla convenzione di Montego Bay del 1982. Però una ‘Zona di Protezione Ecologica’ è stata istituita in Italia e la Francia ha istituito una ‘Zona Economica Esclusiva’ che si estende oltre la fascia delle 12 miglia e prevede sanzioni per le navi (anche straniere) colpevoli di atti di inquinamento deliberato. Il Santuario Pelagos è un'Area Specialmente Protetta d'Importanza Mediterranea (Aspim).

Le Aspim costituiscono il nucleo di una rete che si prefigge l'efficace conservazione del patrimonio mediterraneo. Per realizzare questo obiettivo, le parti svilupperanno una cooperazione multilaterale nel campo della conservazione e della gestione degli ambienti naturali, in particolare attraverso la creazione di Aspim transfrontaliere.

Nel 2007 in occasione della riunione del gruppo di lavoro sensibilizzazione della parte francese del Santuario Pelagos si è confermata la necessità di coinvolgere maggiormente gli enti e i portatori d'interesse locali sui principi promossi da Pelagos. La stessa richiesta è stata formulata nel 2008 da vari Comuni costieri, che desideravano diventare partner del Santuario Pelagos. Da questi incontri è nata l'idea di istituire una Carta di Partenariato.

Gli obiettivi di questa Carta sono: cercare l'adesione di tutti i Comuni costieri del Santuario; rendere più tangibile il Santuario agli occhi del pubblico; creare nuove dinamiche di progettazione e di partenariato con riguardo ai mammiferi marini; coinvolgere a fondo i partner territoriali per promuovere le idee del Santuario e per realizzare azioni concrete a favore dei mammiferi marini; promuovere il Santuario come vero e proprio motore di sviluppo e di animazione per i comuni; coinvolgere i Comuni nella missione d'informazione e di sensibilizzazione del Santuario.

Tutti i Comuni costieri il cui territorio è ubicato nel Santuario Pelagos possono aderire alla Carta. La firma della Carta di Partenariato avviene in seguito a una delibera comunale da parte del Comune competente il cui territorio è situato nelle acque marittime del Santuario Pelagos. Ai Comuni che sottoscrivono la Carta è consentito esporre la bandiera del Santuario in qualsiasi punto del territorio comunale.

Alla cerimonia della firma di oggi hanno partecipato anche altri sei comuni costieri liguri e toscani che hanno deciso di aderire alla Carta, Albenga e Varazze, Ameglia e Riomaggiore, Vecchiano e Capalbio: anche a loro, come ai 10 comuni neo-entrati della Città metropolitana di Genova, è stata consegnata da Aurelio Calagiore, comandante del Reparto ambientale delle Capitanerie di Porto, in rappresentanza del Ministero dell’Ambiente, la bandiera del Santuario Pelagos, simbolo dell’impegno preso con la firma della Carta.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI