Home . Sostenibilita . In Pubblico . Riciclo rifiuti per sviluppo turismo al Sud

Riciclo rifiuti per sviluppo turismo al Sud

IN PUBBLICO
Riciclo rifiuti per sviluppo turismo al Sud

A selection of garbage for recycling. Segregated metal, plastic, paper and glass

La gestione della raccolta differenziata di carta come leva strategica per lo sviluppo del turismo nel Sud Italia. E' questo il tema del convegno organizzato alla Bit da Comieco (Consorzio nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi cellulosici) insieme ad Ancim, Fondazione per l’educazione ambientale (Fee), Federalberghi e alla presenza dell’Assessore al Turismo del Comune di Bari, al presidente della Camera di Commercio di Matera.

Il 2017 è stato un anno estremamente positivo per il turismo italiano: con oltre 420 milioni di presenze, soprattutto stranieri, e una crescita complessiva del 4,2% l’Italia si conferma uno dei paesi più visitati al mondo posizionandosi al 5° posto con 57,8 milioni di visitatori. In questo scenario il Sud Italia è una delle mete più ambite, ma ancora molto si può fare per aumentarne le potenzialità.

L’attrattività turistica passa infatti anche da uno sviluppo sostenibile e da una buona gestione dei rifiuti a partire da una loro corretta raccolta differenziata. Carta e cartone rappresentano in quest'ottica una delle componenti più significative nel flusso dei rifiuti: la componente cellulosica costituisce più del 20% dei rifiuti urbani, subito dopo l’organico.

Secondo Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco, "i presupposti per trasformare la raccolta differenziata di carta e cartone in una leva competitiva per il settore turistico al Sud Italia sono più che positivi se consideriamo gli ottimi risultati raggiunti dalle regioni meridionali nell'ultimo anno: superate le 700mila tonnellate di carta e cartone raccolte e i 34 Kg/ab, con una crescita del 4% rispetto al 2016".

Tuttavia, aggiunge Montalbetti, "stimiamo che possano essere intercettate ulteriori 600.000 tonnellate di materiale che, ancora oggi, non vengono correttamente conferite e finiscono nell’indifferenziato andando ad appesantire il carico delle discariche. In questa direzione si muove la proposta di Comieco di stipulare un patto con i Comuni e le strutture ricettive del Sud Italia per attivare buone pratiche di gestione dei rifiuti di carta e cartone”.

Negli ultimi anni Comieco ha concentrato la sua attività al Sud attraverso sostegno economico, campagne di comunicazione e iniziative di sensibilizzazione per migliorare la raccolta differenziata e la gestione dei rifiuti a base cellulosica. Grazie al Piano per l’Italia del Sud e al Bando Anci, negli ultimi quattro anni il Consorzio ha sostenuto il meridione con un investimento complessivo di 14 milioni di euro.

Contemporaneamente sono state realizzate una serie di iniziative e progetti come il Club Ecocampioni, le Cartoniadi e il tour di Palacomieco che hanno coinvolto amministrazioni locali, cittadini e turisti per divulgare l’importanza di una corretta raccolta per la collettività e per lo sviluppo del territorio, anche in chiave turistica.

Tutto questo impegno si è tradotto in un progressivo miglioramento della raccolta differenziata di carta e cartone (+11% negli ultimi due anni) e casi virtuosi da prendere come esempio, fra i quali i Comuni della Penisola Sorrentina, Bari e, tra le Isole Minori, l’Isola d’Elba capace di trasformare le evidenti difficoltà logistiche e morfologiche in opportunità di crescita e sviluppo sostenibile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.