Home . Sostenibilita . In Pubblico . Renault, dalla formula E alla mobilità 'verde' quotidiana

Renault, dalla formula E alla mobilità 'verde' quotidiana

IN PUBBLICO
Renault, dalla formula E alla mobilità 'verde' quotidiana

Alcuni modelli della gamma Z.E. di Renault

Nella breve storia della Formula E, Renault e.dams è il team più blasonato, avendo già raccolto tre titoli dal 2014, “ma per noi ciò che succede nello sport ha una ricaduta anche nel 'mondo reale' della mobilità". Lo sottolinea – in occasione della partecipazione al primo E-prix di Roma - Jean Philippe Hermine, direttore Piano Strategico Ambientale del gruppo francese, che ricorda all'Adnkronos come “già da sei anni Renault è impegnata su questo fronte con una gamma completa di veicoli elettrici che si allargherà con 8 nuovi veicoli elettrici lanciati entro il 2022” con una estensione della gamma “sia sulle autovetture che sui mezzi commerciali, per rendere sempre più ecocompatibile il trasporto delle merci soprattutto nell'ultimo km, nelle nostre città”.

Hermine ribadisce come quella dell'elettrificazione 'di massa' – espressa dallo slogan 'Easy Electric Life' - sia “per Renault una strategia di lungo termine in cui abbiamo l'ambizione di restare leader su questo tipo di mobilità”.

Se alcuni paesi – come quelli mediterranei – sembrano in ritardo, in altri, aggiunge, “come quelli del Nord Europa abbiamo raccolto risultati molto buoni, con un mix elevato di vendita di veicoli elettrici. Insomma siamo molto fiduciosi sulla nostra strategia, rassicurati in questo dall'accoglienza dei nostri prodotti”.

Hermine sottolinea i passi in avanti compiuti dalla nuova generazione di vetture Z.E. “ad esempio, l'aumento dell'autonomia è più rapido di quanto previsto al lancio dei primi veicoli, mentre l'affidabilità dei nostri prodotti è riconosciuta e il loro costo di utilizzo è assolutamente competitivo”. In ogni caso – aggiunge - “ci sono prospettive di miglioramento che permetteranno a questi mezzi di imporsi sul mercato in maniera 'naturale'”.

Gli fa eco Guillaume Berthier, Direttore Commerciale Veicoli Elettrici del Gruppo, ricordando come “per Renault quello dei veicoli elettrici non è più una nicchia, ma è un segmento importante. Basti pensare ad esempio che Zoe in Europa vale circa il 10% dei volumi di Clio ,mentre in Norvegia le ZE saranno più del 50% delle vendite Renault”. Berthier non vuole fissare obiettivi per questa crescita: “è difficile fissare target, abbiamo imparato che il risultato può essere un po' diverso” dalle stime fatte in partenza. “Tuttavia – sottolinea - ma anche gli analisti concordano come entro il 2025 le auto elettrificate saranno sopra il 10% del mercato europeo”.

Per arrivare a questi risultati, comunque, bisognerà lavorare non solo sui prodotti, spiega il manager Renault. “In questi anni - sottolinea - abbiamo imparato che servono infrastrutture di ricariche che siano visibili e accessibili, possibilmente senza carte o abbonamenti, ma anche che bisogna vendere queste auto in maniera diversa, e negli ultimi anni la nostra forza di vendita in Europa ha avuto questo tipo di formazione”. Ma anche Berthier alla fine riconosce che “servono anche gli incentivi governativi” per 'guidare il futuro', l'ambizione che da' il nome al Piano strategico di Renault.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI