Home . Sostenibilita . Risorse . Residui di pesticidi negli alimenti, 97% dei campioni Ue privo o nei limiti

Residui di pesticidi negli alimenti, 97% dei campioni Ue privo o nei limiti

'Resta basso il rischio per i consumatori'

RISORSE
Residui di pesticidi negli alimenti, 97% dei campioni Ue privo o nei limiti

(Xinhua)

Il 97% dei campioni di alimenti raccolti nell'Unione Europea è privo di residui di pesticidi o ne contiene tracce nei limiti di legge. E' questa la conclusione dell’ultimo rapporto annuale Efsa - Autorità europea per la sicurezza alimentare sui residui di pesticidi negli alimenti che analizza i risultati di quasi 83mila campioni di alimenti provenienti da 28 Stati membri dell’Ue, inclusa la Croazia per la prima volta, nonché da Islanda e Norvegia.

"Gli alti tassi di conformità registrati per il 2014 sono in linea con quelli degli anni precedenti, il che significa che l'Unione europea continua a proteggere i consumatori controllando la presenza di residui di pesticidi negli alimenti", commenta Jose Tarazona, responsabile dell’Unità Pesticidi dell’Efsa.

I risultati principali - si legge in una nota pubblicata sul sito dell'Autorità - evidenziano che il 97% dei campioni analizzati rientrava nei limiti di legge; di questi il 53,6% era privo di residui quantificabili e il 43,4% conteneva residui che rientravano nelle concentrazioni ammesse.

Dei campioni provenienti da Paesi Ue/See, l'1,6% conteneva residui eccedenti i limiti di legge; per i campioni da Paesi terzi la percentuale corrispondente era del 6,5%. Nel 91,8% dei campioni di alimenti per l’infanzia non sono stati rinvenuti residui quantificabili. Il 98,8% dei prodotti biologici erano o privi di residui o li contenevano nei limiti di legge.

L’Efsa ha utilizzato i dati della relazione per valutare se l’attuale esposizione alimentare ai residui di pesticidi rappresenti un rischio di lungo termine (cronico) o di breve termine (acuto) per la salute degli europei. L'Autorità ha concluso che in entrambi i casi "è improbabile che l'esposizione costituisca un rischio per la salute umana".

"Il rapporto di quest'anno - sottolinea Tarazona - contiene anche suggerimenti che crediamo possano rendere più efficaci i programmi di controllo dei pesticidi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.