Home . Sostenibilita . Risorse . Il valore dell'acqua, agroalimentare irriguo vale oltre 220 mld

Il valore dell'acqua, agroalimentare irriguo vale oltre 220 mld

L'85% dell'agroalimentare italiano dipende dall'irrigazione

RISORSE
Il valore dell'acqua, agroalimentare irriguo vale oltre 220 mld

(Fotolia)

L'85% dell'agroalimentare italiano dipende dall'irrigazione, per un valore economico di circa 227 miliardi di euro di produzione, 32 mld di euro di export e 2,8 mln di occupati. E' il valore economico dell'agroalimentare irriguo, dati illustrati oggi dall'Anbi, Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue, durante la conferenza stampa di presentazione della Settimana nazionale della bonifica e dell’irrigazione (13-21 maggio) e della Prima giornata nazionale dell’innovazione per l’irrigazione (12 maggio, Budrio).

Sono 144 i Consorzi associati all'Anbi per 3,3 mln di ettari irrigati, 200mila km di canali e una produzione di energia idroelettrica pari a 376 mln/KWh e fotovoltaica di 1,8 mln/KWh. Anbi calcola che il valore commerciale dell'ettaro irriguo è superiore alla media di 13.500 euro rispetto a quello non irriguo.

"Irrigare nel nostro Paese significa occupazione, valorizzare il made in Italy, rafforzare l'export agroalimentare. Per questo l'acqua è uno degli elementi principali della produzione non solo agricola, perché l'acqua che scorre nei nostri canali produce anche ambiente, che viene tutelato, e una biodiversità che grazie a questa acqua viene mantenuta e mantiene il primato a livello europeo", sottolinea Francesco Vincenzi, presidente Anbi.

"Noi siamo convinti - aggiunge Massimo Gargano, direttore generale Anbi - che il Paese non torna a crescere, a occupare, a fare ricchezza, ad attrarre investimenti se il suo modello di sviluppo è quello che determina aggressione ai territori e ai suoi valori. Siamo convinti che dai valori della distintività e delle identità dei territori possiamo tirare fuori le risorse, le energie, uno scatto d'orgoglio per tornare ad essere dominanti sui mercati".

Tutto questo sarà al centro della Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione con l'apertura di Consorzi di bonifica ed impianti per raccontare un modello di sviluppo dove l'uso dell'acqua è elemento strategico. Centinaia gli eventi in tutta Italia: iniziative scolastiche e visite didattiche con migliaia di studenti coinvolti in lezioni all'aria aperta, percorsi educativi, concorsi e premiazioni; ci saranno anche mostre, inaugurazioni di impianti, attività sportive e ludiche in parchi, oasi, bacini oltre a passeggiate e biciclettate. Ed anche azioni di guerrilla gardening.

La settimana di eventi in tutta Italia viene preceduta dalla Prima giornata nazionale dell’innovazione per l’irrigazione che si terrà venerdì 12 maggio a Mezzolara di Budrio (Bologna).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI