Home . Sostenibilita . Risorse . Shopper, 1 su 2 è illegale. Legambiente: "Più sequestri e colpire i pesci grossi"

Shopper, 1 su 2 è illegale. Legambiente: "Più sequestri e colpire i pesci grossi"

RISORSE
Shopper, 1 su 2 è illegale. Legambiente: Più sequestri e colpire i pesci grossi

CARTELLO CHE INDICA SACCHETTI DI PLASTICA ESAURITI IN UN SUPERMERCATO, DIVIETO DI VENDERE QUELLI DI PLASTICA DAL PRIMO GENNAIO (Alberto Cattaneo / Fotogramma, MILANO - 2011-01-05) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Messi al bando con la legge del 2012, "nel nostro paese continuano a circolare il 50% dei sacchetti non a norma " alimentando il mercato dell'illegalità. Un fenomeno che si risolve solo intensificando sequestri "andando a beccare quelli che sono i pesci grossi della filiera illegale". Così Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente, commenta all'Adnkronos, l'operazione della Guardia di Finanza che ha portato al sequestro su scala nazionale di circa 2 milioni di shopper non in regola.

Purtroppo, sottolinea Ciafani, "i sequestri delle forze polizia non sono in numero adeguato rispetto alla pervasività del fenomeno illegale" e su questo "è fondamentale beccare i pesci grossi. E' inutile andare dal piccolo commerciante, bisogna prendere quelle 20 centrali di diffusione di shopper illegali che fanno volumi immensi". Insomma, "bisogna arrestare il narcotrafficante e non lo spacciatore".

Il problema degli shopper non a norma "non è solo ambientale ma anche economico. Ci sono aziende che in Italia hanno investito per produrre sacchetti rispondenti alla legge e che oggi non possono fare ulteriori investimenti perché sanno che metà del mercato è occupato da prodotti illegali". Senza contare, conclude Ciafani, "che alcuni siti chimici industriali sono in stato comatoso e rischiano di chiudere.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI