Home . Sostenibilita . Tendenze . La differenziata non va mai in vacanza, ecco le regole dell'eco turista

La differenziata non va mai in vacanza, ecco le regole dell'eco turista

TENDENZE
La differenziata non va mai in vacanza, ecco le regole dell'eco turista

La raccolta differenziata non va mai in vacanza e per un turismo a basso impatto Comieco, (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi Cellulosici) ha stilato le regole del buon turista green. 1. Informarsi sulle modalità di raccolta del luogo di villeggiatura. Le regole principali comunque non cambiano: carta e cartone da riciclare vanno depositati all’interno dei contenitori appositi e non lasciati fuori.

2. Appiattire le scatole per ridurre gli imballi in piccoli pezzi. 3. Scontrini e fazzoletti usati non vanno nella raccolta della carta (i primi di carta termica reagiscono al calore e generano problemi nelle fasi di riciclo, i secondi sono anti-spappolo e quindi difficili da riciclare).

4. Fare attenzione alle confezioni eccessivamente sporche di cibo (come il cartone per la pizza) o di sostanze chimiche (come vernici o solventi) e alla carta oleata che vanno gettati nell’indifferenziata. 5. Punti metallici, nastri adesivi e altri materiali non cellulosici vanno sempre tolti dalla raccolta di carta e cartone.

6. Non buttare nel contenitore della carta anche le eventuali buste di plastica. 7. Mantenere pulito l'ambiente che ci ospita, portando sempre con sè un sacchetto nel quale riporre tutti i rifiuti (cartacce, fazzolettini usati o le semplici cicche di sigaretta) per poi gettarli in modo differenziato una volta tornati in casa/albergo.

8. Scegliere destinazioni e alloggi a basso impatto: spiagge “bandiera blu”; i comuni “bandiera arancione”; riserve naturali; itinerari cicloturistici o percorsi a piedi. E per l’alloggio affidarsi a strutture con certificazioni eco-friendly e integrati al contesto naturale.

9. Per ridurre le emissioni di CO2 scegliere il treno e, approfittare di bici e passeggiate all'aperto. 10. Scoprire la cultura di un luogo a cominciare dalla sua tavola. Acquistare prodotti a km 0 o bio. Quando al ristorante non si finisce il cibo nel piatto, chiedere una doggy-bag per portare a casa gli avanzi. 11. Dall'acqua all'energia: evitare sempre lo spreco di risorse.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI