cerca CERCA
Sabato 13 Luglio 2024
Aggiornato: 12:53
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Chiara Ferragni, sponsor in fuga e contratti a rischio dopo caso pandoro

Da Morellato a Pantene, sono diversi i brand potrebbero dire addio all'imprenditrice digitale

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni
10 gennaio 2024 | 14.21
LETTURA: 4 minuti

Non bastava Safilo. E neanche Coca-Cola. Dopo il 'Pandoro gate' che ha travolto Chiara Ferragni, multata un milione di euro dall’Antitrust per "pratica commerciale scorretta" per la campagna dell'anno scorso con Balocco e ora indagata dalla Procura di Milano per truffa aggravata, il fuggi-fuggi generale degli sponsor dall’influencer e imprenditrice digitale sembra inarrestabile. Mentre prosegue il crollo di follower su Instagram,(secondo il sito Not Just Analitics, Ferragni avrebbe perso oltre 226mila follower dal 12 dicembre a oggi) nel suo impero starebbe iniziando ad apparire qualche crepa. Altri sponsor potrebbero pensare di seguire presto le orme di Safilo e Coca-Cola, che dopo il caso pandoro hanno deciso di interrompere ogni collaborazione con l’influencer.

Safilo già a dicembre ha annunciato lo stop dell’accordo di licenza con Ferragni per la produzione e la distribuzione di occhiali da sole e da vista a marchio dell’influencer. Una decisione assunta a causa di "violazioni di impegni contrattuali" da parte di Ferragni.

La multinazionale statunitense della bibita più famosa del mondo ha invece "sospeso" lo spot pubblicitario girato nel dicembre scorso, che sarebbe dovuto andare in onda a partire dalla fine di gennaio. Alla lista di sponsor e brand che intendono chiudere i rapporti con l'influencer di Cremona starebbe per aggiungersi anche Monnalisa, brand che produce abiti per bambini e che starebbe "facendo valutazioni" sul futuro con Ferragni, secondo quando riferito dalla direttrice creativa del marchio, Barbara Bertocci, a 'Repubblica'.

L'effetto domino si riversa anche in parte sul negozio milanese di Ferragni. In pieno periodo di saldi, nello store a due passi da corso Como e dal Bosco Verticale, di gente se ne vede ben poca. E chi passeggia davanti alla vetrina, come appurato dall'AdnKronos nel primo giorno di ribassi, ammette che "Chiara Ferragni ormai è caduta in declino". A questo 'disamore' per l'influencer si potrebbe presto aggiungere la lunga lista di colossi del fashion e del lusso che collaborano da anni con Ferragni come Tod's, Calzedonia, Intimissimi, Morellato, Pantene, Nespresso e Arval Cosmetisici, che nel dicembre scorso ha stretto una partnership Ferragni per l'intero anno 2024. A rischio ci sarebbero diversi contratti siglati negli anni scorsi dall'influencer per sponsorizzare prodotti.

Dal 2021 l'imprenditrice digitale è entrata nel cda di Tod's come consigliere indipendente. Ruolo che da settembre 2022 è cambiato perché, come spiegò allora l’azienda marchigiana di proprietà di Diego Della Valle, sarebbero "venuti meno i requisiti di indipendenza" dell’imprenditrice digitale, per via di una "prestazione occasionale di servizi pubblicitari" con la società. Ferragni è tuttora membro del cda di Tod’s ma non più nella qualifica di membro indipendente. Anche con Intimissimi e Calzedonia, brand del gruppo di Sandro Veronesi, Oniverse, Ferragni vanta collaborazioni da anni.

Tra gli accordi commerciali che a oggi restano in essere c'è poi Pantene, azienda svizzera di shampoo e prodotti per capelli, parte del gruppo Procter & Gamble, del quale Ferragni è testimonial, mentre con Nespresso l'anno scorso l'imprenditrice digitale aveva lanciato una nuova collaborazione con un’edizione limitata del caffè Milano Intenso, una macchina e alcuni accessori. Risale invece al 2020 l'accordo di licenza pluriennale stipulato con Velmar, società del gruppo Aeffe, che si occupa di produzione e distribuzione di lingerie e costumi da bagno. Anche Morellato aveva siglato un accordo per gioielli e orologi Chiara Ferragni, prodotti su licenza dal Gruppo Morellato e distribuiti a livello mondiale da ottobre 2021.

Sarà da valutare nei prossimi mesi, inoltre, l'impatto che il caso pandoro avrà sugli affari dell'influencer per il 2024. Al caso Balocco bisogna aggiungere i risvolti legati alle indagini sulle uova di Pasqua di Dolci Preziosi e ai dubbi sollevati sui proventi della bambola in edizione limitata con Trudi contro il cyberbullismo. su quest'ultima vicenda Tbs crew, società che controlla l'influencer, ha precisato che i ricavi derivanti dalle vendite della bambola tramite l'e-commerce The Blonde Salad, "al netto delle commissioni di vendita pagate da Tbs al provider esterno che gestiva la piattaforma e-commerce, sono stati donati all'associazione Stomp Out Bullying nel luglio 2019" e che quindi "il tutto è avvenuto totalmente in linea con quanto comunicato sul canale Instagram di Chiara Ferragni e sugli altri riconducibili a Tbs Crew Srl". Al netto delle indagini, resta da capire chi sarà il prossimo marchio che prenderà le distanze dall'influencer. Interpellate dall'AdnKronos le bocche di diverse aziende restano al momento cucite.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza