cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 17:36
Temi caldi

Accordo Italia-Onu per un Trust Fund orientato a politiche sostenibili

08 aprile 2014 | 11.54
LETTURA: 2 minuti

alternate text

In linea con l'impegno di rafforzare la cooperazione internazionale contro il cambiamento climatico, il governo italiano ha firmato con le Nazioni Unite un accordo per la costituzione di un trust fund che finanzierà analisi sul fenomeno e azioni volte a sensibilizzare la comunità internazionale e promuovere politiche più responsabili. Lo comunica la Rappresentanza italiana al Palazzo di Vetro presso la cui sede si è tenuta la cerimonia di firma, con il direttore generale del Ministero per l'Ambiente, Corrado Clini e il segretario generale aggiunto dell'Onu per il policy planning, Bob Orr, alla presenza del Rappresentante permanente italiano all'Onu, l'Ambasciatore Sebastiano Cardi.

L'Italia contribuirà al Fondo con 700mila euro. Una somma che peraltro servirà a costruire le basi di una piattaforma per pervenire a un accordo globale sull'impiego di strumenti fiscali sostenibili e di meccanismi di phasing-out dai sussidi per politiche che danneggiano l'ambiente.

Ancora, il Fondo sarà impiegato per promuovere su scala mondiale soluzioni energetiche a basso impiego di carbone, incoraggerà le collaborazioni pubblico-privato per lo sviluppo di investimenti nel settore delle green energies e aiuterà il settore privato fornendo dati e consulenze sulle strategie d'investimento in progetti legati alla green economy.

Il nostro Paese - come ricordato lo scorso febbraio dal segretario generale delle Nu, Ban Ki Moon - da qualche anno è in prima linea nella lotta contro il cambiamento climatico. Una leadership che l'Italia, alla vigilia del semestre di Presidenza di turno dell'Ue e dell'Expo Milano 2015, intende mantenere saldamente.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza