cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:37
Temi caldi

Caso Traini, Cassazione: "Pentimento incerto e opportunistico"

25 febbraio 2020 | 14.49
LETTURA: 2 minuti

Le motivazioni dell'inammissibilità del ricorso della difesa in cui si chiedevano i domiciliari: "Spiccatissima pericolosità sociale"

alternate text

Luca Traini ha mostrato un "pentimento incerto e opportunistico a fronte della gravità della condotta perpetrata e delle accertate ragioni di odio razziale che ne stavano alla base". È quanto scrivono i giudici della prima sezione penale della Cassazione motivando la decisione con cui lo scorso luglio avevano dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla difesa in cui si chiedeva l’attenuazione della misura cautelare, quindi i domiciliari, per il 'Lupo di Macerata', condannato in Appello a 12 anni di reclusione per la sparatoria del 3 febbraio 2018 contro diversi migranti in cui rimasero ferite sei persone. Un gesto che subito Traini rivendicò spiegando di voler vendicare il delitto di Pamela Mastropietro.

Per la Cassazione, quello di Traini è stato un "reato di estrema gravità" commesso da una persona di "spiccatissima pericolosità sociale" e per questo persiste il "rischio di recidiva derivante dalla perdurante mancanza di comprensione dei fatti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza