cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 13:41
Temi caldi

Expo: a Piazza Irpinia 240 immagini raccontano terra da scoprire

19 giugno 2015 | 18.20
LETTURA: 3 minuti

Capone: “Vogliamo regalare ai visitatori dell’Expo una full immersion nella nostra terra"

alternate text

Arriva l’estate e i visitatori di Expo avranno l’opportunità di scoprire un territorio ricco di bellezze naturali e artistiche, di siti culturali e di eccellenze agroalimentari, come l’Irpinia che domani, sabato 20 giugno, a partire dalle ore 18 e fino alla chiusura, ha allestito un programma studiato proprio per permettere di approfondire la conoscenza dei borghi della provincia di Avellino. Un patchwork di immagini, musica e sensazioni che andrà a sostituire il concerto del Maestro Luis Bacalov, annullato per cause di forza maggiore.

Dalle 18 alle 23, sui led wall di Piazza Irpinia, lo spazio espositivo promosso a Expo dalla Camera di commercio di Avellino, scorreranno le immagini di alcuni degli scorci più suggestivi di questa terra tutta da scoprire. Una sorta di album che farà da sfondo visivo a tutta la serata e che introdurrà l’iniziativa, a cura di Info Irpinia, 'Estate in Irpinia'. Un vero e proprio invito a chi voglia visitare la provincia di Avellino nei weekend di giugno, luglio e agosto; con un programma ricco e assolutamente variegato. Ci saranno anche i ragazzi del Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino che, come in ogni weekend a Expo, allieteranno il pubblico con le loro interpretazioni: domani sarà la volta del sestetto di flauti.

“Vogliamo regalare ai visitatori dell’Expo una full immersion nella nostra terra - spiega Costantino Capone, presidente della Camera di commercio di Avellino - e raccontare la grande bellezza dell’Irpinia. L’incremento dell’incoming turistico è certamente tra i nostri grandi obiettivi ed Expo, con le sue presenze anche internazionali, rappresenta il palcoscenico ideale dove presentare i nostri borghi meravigliosi, i nostri incredibili castelli, le bellezze naturali e paesaggistiche, senza dimenticare il patrimonio del nostro giacimento agroalimentare che costituisce un quid plus che pochi possono vantare”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza