cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 14:09
Temi caldi

Fecondazione: Lorenzin, riflessione laica su diritto a conoscere proprie origini

29 luglio 2014 | 15.49
LETTURA: 2 minuti

Roma, 29 lug. (AdnKronos Salute) - "Quello del diritto alla conoscenza delle proprie origini è un aspetto non sanitario su cui invito a una riflessione in modo laico". A evidenziarlo il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in audizione oggi alla commissione Affari sociali della Camera illustrando il contenuto del decreto legge sulla fecondazione eterologa che sarà presentato nei prossimi giorni in Cdm.

"Sapere di essere nati da eterologa a prescindere dal donatore - ha ricordato Lorenzin - serve non solo per un 'diritto alla verità' sulla propria nascita, ma anche per questioni di carattere sanitario, per l'anamnesi a cui tutti sono sottoposti nella vita o nel caso di necessità di trapianto da persone compatibili. Inoltre, con il diffondersi di test genetici ci sarà sempre più possibilità di sapere di non essere stati generati" dai propri genitori. Comunque, il ministro ritiene che "questo tema debba essere oggetto di un'ampia discussione parlamentare".

"Il Cnb ha convenuto sulla responsabilità morale dei genitori di comunicare la modalità concepimento", ha ricordato Lorenzin. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza