cerca CERCA
Domenica 11 Aprile 2021
Aggiornato: 14:41
Temi caldi

Prostituzione: Gdf Padova scopre 3 case a luci rosse gestite da cinesi

11 gennaio 2016 | 11.06
LETTURA: 2 minuti

Partendo dal sequestro di capi di abbigliamento contraffatto in cinque attività commerciali cinesi, la guardia di finanza di Padova ha scoperto tre case di appuntamenti a luci rosse, tutte riconducibili a un cinese, titolare di una ditta del padovano.

Le indagini del gruppo delle fiamme gialle patavine sono partite da una delle tante attività svolte a contrasto della commercializzazione di prodotti pericolosi e contraffatti che ha portato al sequestro di oltre 1.200 articoli di abbigliamento in cinque imprese di Padova, di cui quattro all’interno del Centro ingrosso Cina, vera e propria cittadella commerciale nella zona industriale della città veneta.

I militari non si sono però fermati ai cinque grossisti cinesi controllati ma, grazie all’analisi dei pochi documenti recuperati, hanno individuato l’intera filiera di produzione e commercializzazione, sino ad arrivare a Roma, Napoli, Bari, Isernia, Lanciano (Chieti) e Cassino (Frosinone). In ognuna di queste sedi un cinese di 44 anni residente a Napoli e titolare di una delle quattro ditte dislocate all’interno del Cic, è risultato intestatario del contratto di locazione di un immobile.

(Adnkronos) A questo punto sono scattate le perquisizioni, delegate dalla Procura della Repubblica di Padova, in tutti gli immobili individuati. In tre dei sei appartamenti perquisiti, quelli di Bari, Isernia e Lanciano (Chieti), i finanzieri hanno trovato tre case di appuntamento gestite da cinesi che sfruttavano e facevano prostituire giovani ragazze connazionali, irregolari in Italia.

Il 44enne è stato denunciato a piede libero per contraffazione di marchi e sfruttamento della prostituzione. Le giovani ragazze cinesi invece sono state segnalate perché irregolari sul territorio nazionale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza